Placenta bassa e rapporti sessuali

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 04/10/2021 Aggiornato il 04/10/2021

In caso di placenta previa, è corretto il divieto di avere rapporti sessuali con e anche senza penetrazione.

Una domanda di: Mary
Salve, sono a 24 settimane e ho la placenta bassa (a 28 settimane ho il controllo dal ginecologo e se è rimasta nella stessa posizione sarà definitiva previa), e il ginecologo ci ha vietato rapporti. Ora mi chiedo se l’orgasmo clitorideo, quindi senza penetrazione, può con le sue contrazioni creare ugualmente danni e se è da evitare anch’esso.
Inoltre volevo chiederle se per “alzare” la placenta bassa c’è qualche soluzione, tipo esercizi, fascia-pancera, terapia farmacologica o solo la natura può decidere.
Grazie mille per le sue risposte sempre approfondite e chiare.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, rispondo per prima alla domanda più semplice: non c’è nulla che possa fare per “far alzare” la placenta. Per quanto riguarda invece la prima domanda, il motivo principale per cui il sesso con penetrazione è “vietato” quando la placenta è previa, è principalmente per via della stimolazione diretta sull’utero. Le suggerirei quindi di attendere la 28° settimana, e quindi la diagnosi certa, per evitare anche l’orgasmo clitorideo senza penetrazione e, successivamente, di vedere come vanno le cose. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Problemi di linguaggio in bimbo di tre anni

21/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

A fronte di evidenti difficoltà di linguaggio, in un'età in cui ci si aspetta che il bambino sappia utilizzare un certo numero di parole e di frasi compiute, sono opportuni un controllo audiologico e una valutazione da parte del neuropsichiatra infantile.   »

Progesterone o aspirinetta in gravidanza?

12/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I due prodotti medicinali non sono incompatibili: se la condizione della futura mamma lo richiede si possono impiegare tutti e due.   »

Bimbo di sette anni che sfida continuamente la mamma

11/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si può permettere a un bambino di tenere sotto scacco i genitori, disobbedendo e facendo sempre e solo di testa propria. Contenerlo con dolce fermezza è la priorità assoluta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti