Placenta bassa e vaginosi: si può andare in vacanza lontano da un ospedale?

A cura di Dottoressa Cristina Maggioni Pubblicato il 05/08/2023 Aggiornato il 05/08/2023

In gravidanza, soprattutto in presenza di condizioni di rischio, è sempre meglio non fare vacanze in zone lontane da un ospedale, perché in caso di emergenza essere prese in carico tempestivamente può fare la differenza.

Una domanda di: Roberta
Sono incinta di 18 settimane e mi è stata riscontrata la placenta bassa da un paio di settimane. Il mio dubbio è se andare o meno in vacanza in settembre in Sardegna (dovrei fare circa 1 ora e 20 di viaggio in aereo più circa 3 di auto per raggiungere aeroporto e poi il resort) quando sarò tra la 25esima e 26esima settimana di gravidanza. Io starei in resort senza fare particolari escursioni e fatiche. Dovrei decidere in breve tempo per saldare la vacanza un mese prima. Il ginecologo che mi segue ha detto di non preoccuparmi e che nel caso di perdite posso andare nell’ospedale con ps ostetrico a 40 km dal villaggio ma un’altra ginecologa da cui sono andata (avevo leggere perdite gialle e sono in cura per vaginosi) perché il mio è in ferie mi ha maggiormente allarmato dicendomi che eviterebbe la vacanza e anche niente rapporti, niente pesi, niente sforzi, niente spingere per andare di corpo. Sono agli opposti e per la vacanza non so proprio che fare! Lei cosa pensa?
Cristina Maggioni
Cristina Maggioni

Cara signora, premetto che a 18 settimane è presto per fare diagnosi di placenta previa perché nelle settmane avenire, con l’aumento del volume dell’utero la placenta potrebbe risalire verso l’alto allontanandosi dall’orifizio uterino interno. Per poter partorire naturalmente occorre che la distanza minima sia di 25 millimetri. Posto questo io non so nulla della sua situazione generale, sul suo aumento di peso, sui sui valori della pressione del sangue, mentre mi riferisce della vaginosa batterica che in gravidanza è una condizione di rischio. Quello che mi lascia perplessa non è il tragitto aereo, ma i 40 chilometri che dividono il villaggio vacanza dal pronto soccorso ostetrico: in caso di emergenza questa distanza è davvero molta e può rappresentare un pericolo. Per quanto mi riguarda e in base alle poche informazioni che ho, sarei più propensa a pensarla come la collega che ritiene questa vacanza un’imprudenza da evitare. Oltretutto lei deve prenotare ora senza sapere cosa accadrà nelle prossime settimane e come sarà la situazione al momento del viaggio e questo e un altro punto interrogativo da valutare. Ripeto mi esprimo da remoto, attraverso uno schermo, chiaramente l’ultima parola spetta a un ginecologo in carne e ossa che se la senta di prendersi la responsabilità di autorizzare il viaggio oggi, quando mancano varie settimane alla partenza. Nel frattempo, le raccomando di continuare la cura contro la vaginosi batterica, anche prestando estrema attenzione all’igiene intimae di favorre l’equilibrio del microbiota vaginale attraverso un’alimentazione corretta e l’eventuale assunzione, su parere medico, di probiotici. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti