Placenta bassa: stare a riposo aiuta a farle cambiare posizione?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 26/12/2023 Aggiornato il 26/12/2023

Il riposo non serve per far spostare la placenta verso l'alto (o comunque lontano dall'OUI), ma se la placenta è bassa vanno evitati gli sforzi fisici e i rapporti sessuali.

Una domanda di: Carmen
Gentile dottoressa,
le modalità con cui è stata fatta l’ecografia transvaginale sono quelle da lei indicate, e la distanza del margine placentale dall’orefizio uterino interno, è appunto di 9,5 mm (avevo scritto in maniera errata). Consiglia quindi di avere delle accortezze riguardo la routine quotidiana per non sollecitare le contrazioni uterine o queste sono indipendenti?
Grazie ancora!

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Gentile signora,
sottolineo che una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20° settimana e, qualora la distanza tra il margine placentare e il collo uterino sia ancora inferiore a 3 cm, nel terzo trimestre di gravidanza. Sappiamo bene che nel corso delle settimane di gravidanza può verificarsi una specie di “migrazione” della placenta verso il fondo dell’utero (parte superiore) in quanto il tessuto a cui è ancorata va incontro ad un progressivo stiramento (un po’ come uno che soffi in un palloncino dopo aver fatto un segno col pennarello vicino all’imboccatura: più si soffia, più il segno si allontanerà dall’imboccatura stessa).
Cosa si può fare per facilitare la risalita della placenta? Probabilmente basta condurre una vita “normale”…sempre che si tenga presente lo stato di gravidanza! Stare a riposo assoluto non è dirimente, anche se un po’ di prudenza evitando i rapporti sessuali ad esempio è d’obbligo. Naturalmente vanno evitati drasticamente gli sforzi fisici, come sollevare pesi o dedicarsi ad attività fisiche impegnative. Altrimenti c’è il rischio che veda delle perdite ematiche con tutto lo spavento e le corse in pronto soccorso che ne conseguono. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti