Placenta previa marginale: c’è da avere paura?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 09/08/2022 Aggiornato il 09/08/2022

La placenta previa è una condizione clinica non infrequente che i ginecologi sono abituati a gestire, quindi non si deve avere paura in vista del parto, anche se è vero che richiede attenzione e prudenza.

Una domanda di: Denise
Scusi il disturbo, facendo ricerche su internet, ho visualizzato questa pagina e quindi provo anche io a scriverle. Ho 41 anni, sono incinta 31+4 settimane, mi è stata diagnosticata la placenta previa marginale, la quale un lembo di essa è vicino all’ OUI (orifizio uterino interno). Alla 28 esima settimana ho avuto un’ emorragia, mi è stato somministrato del Tranex e poi due iniezioni di Bentalan come terapia polmonare per il bambino. L’emorragia è cessata e dopo tre giorni mi hanno dimessa. A 31+1 mi sono recata presso l’ospedale dove dovrei partorire per una visita, una dottoressa mi ha spaventata dicendo che la situazione è molto seria, che in caso di emorragia bisogna intervenire d’urgenza, lei avrebbe voluto ricoverarmi il giorno stesso, mentre il primario mi ha detto alla 32 esima settimana, per poi programmare il cesareo a 34 settimane. Queste opinioni discordanti mi hanno messo ansia e terrore. Io tornerò come stabilito lunedì per il ricovero. Ho una grande paura di non farcela che sia rischioso per la mia vita e del bimbo. Mi hanno detto che l’anestesia solitamente viene fatta spinale ma, in caso di emorragia, totale e l’idea della totale mi terrorizza ancora di più, quindi vivo ogni giorno con la paura di un nuovo sanguinamento. Le chiedo gentilmente, sono casi che si risolvono? O rischio veramente la vita? Grazie per la sua attenzione.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, la placenta previa marginale dovrebbe essere diagnosticata quando il lembo placentare si trova a due centimetri dall’orifizio uterino interno. In questi casi, la comparsa di contrazioni può far comparire un sanguinamento. Nel suo caso sembra non si sia trattato di un sanguinamento abbondante dal momento che la sola terapia con Tranex lo ha tenuto sotto controllo, permettendo che la dimettessero. Naturalmente la cosa potrebbe ripetersi e da qui la prudenza dei medici che la seguono. E’ vero che se il sanguinamento fosse abbondante e se non si riuscisse a controllarlo, bisognerebbe operare d’urgenza. Il ricovero a quest’epoca è prudenziale: se ci fosse un sanguinamento sarebbe già in ospedale e, nel caso, si potrebbe operare senza ritardi, ma anche darle dei farmaci per posticipare il momento del parto. Per il resto deve stare tranquilla, è vero che si tratta di una situazione che non va trascurata ma la placenta previa è una condizione clinica non infrequente che i ginecologi sono abituati a gestire. Il bambino ha già raggiunto un’epoca gestazionale tranquillizzante e un intervento elettivo ridurrebbe di molto i rischi, compreso quello di non poter effettuare un’anestesia loco regionale. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti