Placenta previa: si deve stare a letto?

Dottoressa Elsa Viora A cura di Dottoressa Elsa Viora Pubblicato il 14/02/2022 Aggiornato il 28/02/2022

In gravidanza, il riposo assoluto a letto può essere controproducente, quindi viene consigliato in casi davvero eccezionali. Brevi passeggiate, non affaticanti, possono in genere essere affrontate anche in caso di placenta previa.

Una domanda di: Tania
Sono in gravidanza alla 24settimana. Alla 20 durante la morfologica mi hanno detto di avere la placenta previa posteriore e l’aumento della pulsatilità delle arterie uterine. Alla 23ma settima sono stata in ospedale per controllare una cisti ovarica di 3 cm di natura endometriosica uniloculare (era stata diagnosticata come corpo luteo gravidico) già nel 2019 la mia ginecologa l’aveva vista ma non avevo dato importanza…chiedo con queste condizioni la mia gravidanza come può procedere? (Capisco che è tutto in divenire)… A cosa devo stare attenta? Mi hanno detto di evitare rapporti sessuali, di non portare pesi, andavo a lavoro ho smesso, andavo in bici e ho smesso… Ma dovrei stare in assoluto riposo a letto? Le passeggiate si possono fare? La macchina la posso guidare? O posso andarci col mio compagno?
Elsa Viora
Elsa Viora

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gentile Tania, la diagnosi di placenta “previa” viene fatta a 25-26 settimane tranne rari casi in cui il quadro ecografico è già molto chiaro prima. Quindi, in generale, la prima cosa da fare è ripetere l’ecografia e controllare bene la sede di inserzione della placenta, facendo l’esame anche per via vaginale. Nel caso la diagnosi di placenta previa sia confermata è consigliato evitare che insorgano contrazioni uterine, quindi stare a riposo, non avere rapporti, non sollevare carichi perchè questo può provocare perdite di sangue, accorciamento del collo uterino. Poi in base alla sua situazione clinica (ogni storia è diversa), il suo ginecologo valuterà con lei in che modo gestire il quotidiano e quindi anche la attività fisica, tenendo conto che le passeggiate sono utili per la sua salute ed evitare complicanze legate al riposo assoluto (inteso come non alzarsi mai dal letto) che è consigliato solo in casi eccezionali. Sicuramente se la placenta è previa verrà programmato un taglio cesareo. Per quanto riguarda la cisti endometriosica direi che non è un problema in questo momento date le dimensioni (3 cm) ed il fatto che comunque la gravidanza è iniziata (l’endometriosi può essere causa di sterilità), anzi in genere la gravidanza funziona come cura per l’endometriosi perchè le ovaie sono a riposo. Spero di esserle stata utile, comunque manifesti questi dubbi al suo ginecologo che certamente può darle consigli più appropriati alla sua specifica situazione. Cordiali saluti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti