Placenta vicina all’OUI: potrebbe allontanarsi?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 10/08/2020 Aggiornato il 12/08/2020

Nel corso della gravidanza la placenta può spostarsi dall'orifizio uterino in quanto l'utero gradualmente si distende in lungo e in largo

Una domanda di: Elena
Sono a 32 settimane+1 e all’ecografia mi hanno detto che la placenta è posteriore e marginale a 1,5 cm dall’OUI (orifizio uterino interno dell’utero n.d.r.). Nonostante questo non mi hanno detto di avere particolari accortezze e che si rivaluterà nelle successive visite.
La placenta si può quindi ancora rialzare?
Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, la sua mail mi lascia perplessa in quanto, come si suol dire, non mi tornano i conti. Se la sua placenta fosse a soli 1,5 cm dall’orifizio uterino interno (ossia l’estremità superiore del collo dell’utero) lei avrebbe una situazione definita placenta previa marginale e questo implica che il suo parto andrebbe programmato tramite taglio cesareo elettivo. Il limite per poter partorire per via vaginale è fissato a 2.5 cm di distanza tra margine placentare e OUI…magari nel suo caso si tratta di questo secondo valore invece che del primo? Altrimenti non mi spiegherei le indicazioni che le sono state fornite dai colleghi! Per carità, la sua placenta potrebbe ancora alzarsi in quanto l’utero nel corso dei nove mesi si distende in lungo e in largo e la placenta viene in un certo senso costretta a risalire mentre l’utero si accresce.
Direi quindi di essere fiduciosa prima di tutto nelle potenzialità del suo corpo e in secondo luogo nelle indicazioni che i colleghi ginecologi le daranno in base al reperto ecografico. A mio avviso, se lei riesce ad evitare sforzi in modo da ridurre al minimo la possibilità di contrazioni uterine, sarà più facile che il prossimo controllo ecografico le dia la conferma che la placenta è salita abbastanza per poter partorire naturalmente…glielo auguro di cuore!
Spero di esserle stata di aiuto, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

13/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competenti. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Bimba di (quasi) tre anni che ripete frasi e parole

11/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'ecolalia potrebbe costituire un segnale d'allarme qualora si associasse ad altri comportamenti anomali. Altrimenti è solo una delle modalità per apprendere e consolidare il linguaggio.   »

Sentimenti contrapposti verso il nuovo papà

03/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Quando entra una nuova figura maschile nella vita di un bambino piccolo, può accadere che si instauri una relazione in cui non tutto fila sempre liscio. Ma del resto può succedere anche con il papà biologico.   »

Fai la tua domanda agli specialisti