PMA che non va a buon fine: che fare?

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 28/12/2020 Aggiornato il 28/12/2020

La strada della procreazione medicalmente assistita è spesso tortuosa e, purtroppo, non sempre porta alla destinazione desiderata.

Una domanda di: Flavia
Pregiatissimo dottor Fusi, le scrivo per un parere. Sono davvero demoralizzata.
Coppia: 41 lei, 47 lui. Dopo 4 tentativi di ICSI, sempre esito negativo, abbiamo riprovato per la 5 volta con mappa immunologica endometrio,
isteroscopia, IR MAP (periodo finestra), cariotipo entrambi, con i seguenti
esiti (cfr. Analisi in allegato). Da ciò è emerso un problema immunologico
che hanno trattato – per il quindo tentativo, cortisone (10 mg), aspirina (100
mg), utrogestan (2 mattina e 2 sera compresse), progynova, intralipid
(infusione giorno transfert) e eparina (iniezione 1 al giorno dopo il
transfert). Preciso che questo ultimo tentativo è stato fatto con embrione
(blastocisti) analizzato e risultato privo di anomalie. Purtroppo non è
andato a buon fine. Ora non sappiamo più cosa fare. Quale potrebbe essere il
motivo del mancato impianto e se ci sono ulteriori esami da fare per
scongiurare altri eventuali problemi. La ringrazio di cuore per la sua
attenzione. Cordialità.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora, lei ha fatto tutto quello che si poteva fare. Ogni blastocisti trasferita ha una percentuale di impianto comunque bassa, per quanto normale cromosomicamente, e la diagnosi preimpianto la abbassa ulteriormente. Non posso dirle altro che riprovare con gli stessi accorgimenti o ricorrere all’ovodonazione. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti