PMA: i bimbi sono meno affettuosi degli altri?

Dottor Francesco Maria Fusi
A cura di Dottor Francesco Maria Fusi
Pubblicato il 07/10/2019 Aggiornato il 14/10/2019

Non c'è alcuna differenza nello sviluppo psicofisico tra i bambini nati da procreazione medicalmente assistita e gli altri.

Una domanda di: Roberta
Ho una bambina nata per mezzo delle procreazione medicalmente assistita. E’ una bambina sana e bella che ora ha otto anni. Ha però un carattere chiuso e non è molto affettuosa. Mi hanno detto che tutti i bambini “della provetta” sono così perché sono stati concepiti al freddo e non al caldo, come avviene in natura. C’è del vero in questa teoria?
Grazie.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora,
no, questa teoria non ha nulla di vero. Lo sviluppo psicofisico dei bambini nati grazie alla procreazione medicalmente assistita è assolutamente come quello dei bambino concepiti naturalmente. Non c’è, dunque, alcuna differenza neppure nel temperamento. Il concepimento, comunque, cioè l’incontro tra spermatozoo e ovocita, avviene anche in provetta a una temperatura di 37 gradi. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti