Polipi endocervicali: si possono togliere in gravidanza?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 26/11/2021 Aggiornato il 26/11/2021

L'opportunità di asportare dei polipi dalla cervice va stabilita dallo specialista che dovrà effettuare l'intervento.

Una domanda di: Valentina
Vorrei sapere se è possibile togliere i polipi endocervicali in
gravidanza, e se ci sono dei rischi. Grazie mille.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
se i polipi endocervicali fuoriescono dallo orifizio uterino esterno, sono rilevabili alla visita, sono grossi e tendono a sanguinare sicuramente si possono togliere con le dovute accortezze da parte di chi opera. Se sono piccoli e non sanguinanti si possono lasciare anche in sede. Sinceramente non capisco perché chiede a me il da farsi: è lo specialista che l’ha visitata a dover decidere valutando il rapporto rischi benefici, stabilendo se è opportuno o no. Forse lei ha sentito due pareri contrastanti e in questo caso demanda a me il giudizio salomonico? Se è così, non posso aiutarla visto che non ho la possibilità di visitarla e quindi di avere davvero il polso della situazione. Si fidi del suo curante, ascolti quel che le dice, non potrà certo essere un ginecologo “a distanza” a indicarle la cosa migliore da fare. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti