Pomata per la cicatrice del cesareo e allattamento

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 07/10/2019 Aggiornato il 07/10/2019

Ci sono preparati per applicazione locale che non hanno controindicazioni in allattamento: tra questi, le pomate a base di eparina associata a principi attivi di origine naturale.

Una domanda di: Maria
Buongiorno sono mamma da 6 mesi e allatto esclusivamente al seno… In farmacia mi hanno consigliato una pomata da applicare sul taglio cesareo della Contractubex in quanto ho prurito e il taglio anziché assottigliarsi si è ispessito. Nel foglietto illustrativo della pomata c’è scritto che probabilmente non può essere usata in allattamento. Aspetto una vostra risposta, circa l’opportunità di utilizzare questo farmaco.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, cercando informazioni sul prodotto da lei menzionato ho scoperto che è un medicamento svizzero (e questo già depone a suo favore in quanto spesso sono a base di prodotti naturali) ed è composto dai seguenti principi attivi: extractum cepae, eparina e allantoina.
L’extractum cepae si ricava dalla cipolla e ha un’azione antinfiammatoria, decongestionante, battericida.
L’eparina è un anticoagulante che si può usare anche in allattamento in quanto non è attivo se assunto per bocca.
L’allantoina è una sostanza cicatrizzante e anti-infiammatoria prodotta naturalmente da alcune piante, animali e batteri.
Viene utilizzata localmente per trattare la psoriasi, le emorroidi e promuovere la guarigione delle ferite.
La concentrazione di allantoina nel latte vaccino varia in base alla fonte di cibo e l’escrezione nel latte varia tra lo 0.63% e l’1.34% ossia è davvero molto contenuta. Per tutti questi motivi, anche tenuto conto che il suo bimbo non è più neonato ma ha già sei mesi di vita, non vedo controindicazioni ad applicarla sulla cicatrice del cesareo anche se sta allattando.
Spero di averla aiutata e speriamo soprattutto che questa pomata sia risolutiva nella cicatrizzazione definitiva (ormai è passato un tempo adeguato!).
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Vorrei ingrassare: quali consigli?

19/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Il criterio da seguire per aumentare di peso è semplicissimo: basta introdurre più calorie rispetto al fabbisogno. Ma se nonostante questo si continuasse a dimagrire diventa necessario scoprire perché.   »

Dubbio dopo l’ecografia: il bimbo potrebbe essere basso di statura?

15/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

I fattori che determinano la crescita durante la vita intrauterina sono diversi da quelli che la influenzano dopo la nascita: un bambino che viene alla luce di due chili potrebbe, da adulto, tranquillamente arrivare ai 190 centimetri di statura, un neonato di 4 chili potrebbe non superare i 170 centimetri....  »

Lievissime perdite di sangue a inizio gravidanza: c’è da spaventarsi?

12/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un lieve sanguinamento nel primo periodo della gravidanza può non essere significativo e questo vale soprattutto se l'ecografia accerta la presenza, in normale evoluzione, della camera gestazionale e dell'embrione.  »

Psicofarmaci in gravidanza: è giusto sospenderli?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'impiego degli SSRI è compatibile con lo stato di gravidanza e non espone a particolari rischi, mentre può essere pericoloso sospenderli o anche solo diminuirne il dosaggio rispetto a quello necessario per controllare il disturbo dell'umore.   »

Gravidanza che sta durando più di 40 settimane: perché?

29/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Una durata della gravidanza compresa tra le 38 e le 42 settimane rientra nella normalità. A influenzare la lunghezza della gravidanza è anche la familiarità.  »

Fai la tua domanda agli specialisti