Poppata notturna abbandonata e poi di nuovo reclamata

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 16/11/2020 Aggiornato il 19/11/2020

Nel caso in cui un bambino di 11 mesi ricominciasse a reclamare il pasto notturno, è opportuno offrirgli più frutta o più latte durante il giorno.

Una domanda di: Giada
Sono la mamma di due gemelli maschi di 11 mesi (nati a termine di 3 kg l’uno e senza nessun problema anche dopo la nascita). I miei figli, da circa 1 mese, sono tornati a bere latte artificiale durante la notte (non sono mai stati allattati al seno, solo artificiale). Dai 5 mesi circa saltano la poppata notturna ed è per questo che mi chiedo come mai ora questa esigenza sia tornata. Preciso che sono completamente svezzati, con lo svezzamento iniziato già dal 4 mese con la frutta ed entro la fine del 6 mese con latte a colazione, due spuntini mattina e pomeriggio e due pappe pranzo e cena. Mi chiedo in particolare, visto che le loro esigenze nutrizionali ovviamente cambiano anche in base ai ritmi ed alle attività che evolvono con il passare dei mesi, se una sola poppata di latte non sia sufficiente nell’arco della giornata e quindi se e quando inserirne una seconda. Questo potrebbe permettere loro di essere sazi e quindi di non aver bisogno del latte notturno? La mattina bevono tra i 180 e 210 di latte, la notte pure se lo richiedono. Ci possono essere altre motivazioni alla richiesta di latte durante la notte? Nel caso si può sostituire il latte con altro? Tisane, camomilla? Preciso infine che uno dei due in particolare è molto agitato e frenetico sia durante il giorno che la notte e ha un sonno abbastanza disturbato.
La ringrazio per qualsiasi consiglio possa darmi. Saluti.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
senz’altro può aumentare la porzione di latte arrivando fino a 240-250 grammi. Può provare a offrire la stessa quantità di latte al pomeriggio, a merenda, alternandola allo yogurt (un vasetto) con frutta fresca. La sera dopo la pappa aggiunga la frutta, per esempio una mezza banana o una mela o una pera: questo potrebbe saziare maggiormente i suoi bambini che, probabilmente reclamano il latte di notte proprio perché forse durante il giorno non mangiano abbastanza (è solo un’ipotesi, tutta da verificare). Nel caso in cui tutte le integrazioni indicate non dovessero portare al risultato, direi comunque di mantenere il pasto di notte per qualche settimana, avendo però l’accortezza di diminuire la quantità di latte (200 grammi massimo) o, meglio ancora diluendolo con acqua (per esempio 120-140 grammi di latte più l’acqua fino a raggiungere 200 grammi in totale)
Non ci sono comunque controindicazioni a mantenere ancora due pasti di latte e anche più a 11 mesi di età. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti