Posso fare il test di gravidanza prima del “ritardo”?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 29/08/2018 Aggiornato il 29/08/2018

Effettuare il test di gravidanza molto prima dell'eventuale mancato arrivo delle mestruazioni non conviene: si rischia infatti la delusione di un risultato negativo, quando magari invece il concepimento è avvenuto. L'impazienza, come sempre non è una buona consigliera.

Una domanda di: Daniela
Grazie per la sua risposta, dottoressa. Il 25 agosto ho avuto un altro
rapporto completo non protetto con mio
marito. Da circa due giorni ho dei
dolori al basso ventre e alla schiena e
delle perdite acquose sono poche al
momento però le noto. Posso effettuare
il test oppure devo attendere dopo il
10 settembre? Aspetto la prossima
mestruazione il 10 settembre mi auguro che
non arrivi. Sicuramente capirà che
aspettare e contare i giorni non di certo
aiuta io spero con tutto il mio cuore
che ci sia la possibilità di una
gravidanza. Grazie mille per la sua
cordialità e gentilezza attendo una sua risposta.
Cordiali saluti.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Carissima signora, capisco il suo grande desiderio di sapere se diventerà mamma la prossima primavera…e mi sembra bello che lei stia “spiando” i segni che il corpo le manda al riguardo. Credo che fare il test di gravidanza ora sarebbe davvero prematuro: il rischio è di avere un test negativo e quindi rimanere delusa, quando la gravidanza in realtà è cominciata per davvero! Se i sintomi che lei mi ha riportato o altri “nuovi” sintomi dovessero accentuarsi nei prossimi giorni direi che anche dal 3 settembre avrebbe senso provare a fare il test (senza scoraggiarsi se fosse ancora negativo).
Tra i sintomi più significativi di gravidanza abbiamo: senso di nausea al risveglio, tensione al seno, bisogno di urinare molto di frequente (compresa la notte), digestione rallentata con tendenza al meteorismo (pancia gonfia), fastidio agli odori e repulsione verso alcuni cibi o bevande (tipo carne, pesce, caffè), umore molto instabile con facilità al pianto…
Vedrà che il suo desiderio di figli si realizzerà, cerchi di essere ottimista: cuor contento il Ciel l’aiuta!
Le ricordo di assumere acido folico 1 compressa da 400 microgrammi al giorno fin da subito, come presumo le abbia già consigliato la collega ginecologa (se cerca la gravidanza, è utile aver fatto di recente una visita ginecologica completa di Pap test, così può ottenere anche la prescrizione per gli esami preconcezionali che in realtà sarebbero dedicati alla coppia, anche se a mio parere gli uomini sono generalmente meno disposti a sottoporsi ad un prelievo di sangue “solo” per mettere al mondo un bimbo…).
Spero di averla rincuorata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti