Posso prendere l’aereo con la placenta bassa?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 07/06/2021 Aggiornato il 07/06/2021

Un viaggio in aereo di meno di un'ora può essere affrontato senza problemi, anche in caso di placenta bassa.

Una domanda di: Maria
Mi è stata riscontrata a 18 settimane la placenta bassa, la dottoressa mi ha detto di non preoccuparmi perché risale da sola nel 90%dei casi. Ho un solo dubbio tra qualche giorno dovrei prendere l’aereo per una tratta che dura 50 minuti posso prenderlo? La mia dottoressa mi ha detto di sì mi ha solo consigliato di mettere delle calze specifiche per ridurre il rischio di trombosi. Volevo avere un altro parere per partire tranquilla.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, prenda serenamente l’aereo. Per quanto riguarda le calze elastiche io non conosco la sua condizione fisica e, in particolare, non so se è aumentata di peso in modo esagerato: è questo il caso infatti in cui indossarle è opportuno. In generale per tratte così brevi, che impongono di stare sedute meno di un’ora, non è che siano proprio indispensabili: sarebbe come suggerire di metterle ogni volta che lei si siede sul divano a guardare un film. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti