Preoccupata per il conteggio delle settimane di gravidanza

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 19/02/2022 Aggiornato il 19/02/2022

Le settimane di gravidanza, che sono 40, si calcolano a partire dalla data di inizio dell'ultima mestruazione.

Una domanda di: Alessandra
Salve vorrei saper precisamente in che settimana sono, perché mi fanno solo
preoccupare e se coincide con l’ecografia che mi hanno fatto perché secondo me c’è stato un ritardo di ovulazione.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara signora,
non è chiaro chi o cosa la faccia preoccupare, oltretutto non riferisce l’esito dell’ecografia durante la quale le hanno di sicuro datato (o ridatato) la
gravidanza. Non si capisce bene che cosa non le torni e che cosa non coincide, visto che non riferisce né la data di inizio dell’ultima mestruazione né cosa è riportato nel referto ecografico. Comunque sia, le settimane di gravidanza, che sono 40, si contano a partire dalla data di inizio dell’ultima mestruazione, a cui lei appunto non fa cenno. Il valore delle beta-hCG in realtà non è un riferimento per stabilire la settimana di gravidanza perché come può vedere lei stessa dal referto il range è estremamente ampio. Individuarle nel sangue (o anche nelle urine) serve sono a stabilire che la gravidanza è iniziata. Quindi prenda come riferimento
la data di inizio della sua ultima mestruazione a saprà in quante settimane di gravidanza si trova oggi, secondo il calendario ostetrico. Il collega che
ha effettuato l’ecografia le avrà confermato se la settimana di gravidanza corrisponde al calcolo ostetrico oppure avrà ridatato la gravidanza in base
a quanto rilevato ecograficamente. Tenga presente che l’eventuale ridatazione viene fatta solo se la differenza tra quanto rilevato con l’ecografo e il
calcolo ostetrico è di una settimana o più. Se è di sei giorni o meno, il riferimento per calcolare le settimane di gravidanza resta sempre la data di inizio dell’ultima mestruazione. Dunque nessuno meglio di lei, che a differenza di noi conosce la data di inizio della sua ultima mestruazione e il referto dell’ecografia, può sapere in che settimana si trova la sua gravidanza. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti