Preoccupata perché il bimbo piange

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 21/08/2018 Aggiornato il 21/08/2018

E' normale che un bimbo di otto mesi pianga quando la mamma dimostra l'intenzione di allontanarsi lasciandolo solo a giocare su un tappeto.

Una domanda di: Barbara
Buongiorno, sono mamma di cuore di un neonato di 8 mesi. Da sempre il bambino vuole che stia seduta con lui sul tappeto dei giochi. Non posso allontanarmi e la cosa mi preoccupa. Come devo comportarmi? Grazie.
Angela Raimo
Angela Raimo

Cara mamma,
mi perdoni ma non comprendo cosa significhi “mamma di cuore”: non ho mai sentito questa definizione (forse è una mamma adottiva?). Comunque sia, a 8 mesi è normale che un bimbo pianga quando la mamma si allontana: è questa l’espressione più vistosa della cosiddetta “angoscia da separazione”, un sentimento opprimenti legato alla paura di perdere – e non ritrovare – la mamma che interessa tutti i bambini, più di frequente proprio intorno agli otto mesi (qualcuno parla infatti della “paura degli otto mesi”). Premesso questo, un bimbo di otto mesi non va mai lasciato solo, allontanarsi da lui e lasciarlo su un tappeto in balia di se stesso può essere davvero pericoloso, quindi che pianga è un bene, visto che la induce a stare con lui. Giochi dunque serenamente insieme a suo figlio, per dedicarsi ad altro quando lui dorme al sicuro nel lettino. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti