Preoccupata perché non è rimasta incinta (dopo due tentativi)

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 29/03/2021 Aggiornato il 29/03/2021

Non ci si deve attendere che immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio il concepimento avvenga: la natura ha i suoi tempi che non sempre soddisfano le aspettative che la coppia nutre.

Una domanda di: Rossella
Ho un dubbio o perlomeno spero di non farmi prendere dai brutti
pensieri. Sono una ragazza di 27 anni
e il 4 Marzo ho avuto le mestruazioni. Dopodiché ho avuto rapporti completi il giorno
13 e il giorno 17. Il mio ciclo mensile varia da 26 a 28 giorni. Il giorno 16 ho
notato perdite trasparenti ad albume d’uovo tipiche del periodo fertile.
La prossima mestruazione dovrebbe arrivarmi il 31 marzo o il 1 aprile. Ho fatto il test
precoce Clearblue il 28 marzo ed è risultato negativo (non incinta). Ammetto che è
la prima volto dopo anni che io e il mio ragazzo abbiamo un rapporto
completo. Abbiamo sempre fatto il coito interrotto.
So che non è facile beccare la cicogna così subito però ci speravo un sacco
dato che abbiamo avuto rapporti nei giorni abbastanza fertili. Mi chiedo se sono
esagerata e mi faccio prendere dal panico a pensare che c’è qualcosa che
non va nel mio corpo. Attendo una sua risposta, sono molto giù e
preoccupata.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
non conosco il suo vissuto, ma leggendola ipotizzo che lei sia abituata a ottenere immediatamente quello che decide di avere, senza dover pazientare mai. Ma nel caso della gravidanza le cose non vanno proprio così: concepire un bambino non equivale a fare un acquisto compulsivo, quando basta il denaro per avere ciò che piace. Preoccuparsi così tanto perché dopo due soli rapporti non protetti non è iniziata la gravidanza non è quanto di meglio si possa fare per favorire il concepimento, visto che lo stress è acerrimo nemico della fertilità femminile. Le consiglio dunque di stare tranquilla e di vivere la ricerca di un figlio con allegria e fiducia. Due rapporti alla settimana per tutto l’arco del mese sono sufficienti per concepire e permettono di non focalizzarsi sul periodo fertile, che pure si manifesta con la presenza del muco fertile, rappresentato dalle secrezioni di cui mi ha riferito. E’ ovvio che il concepimento avviene nel periodo fertile ma vista la sua ansia forse nel suo caso può essere consigliabile non fare troppi calcoli, non agire in modo troppo mirato. Le raccomando invece di assumere per tutto il periodo della gravidanza e almeno fino al termine del primo trimestre l’acido folico (una compressa da 400 microrgrammi al giorno), utile per la prevenzione di una grave malformazione del feto, la spina bifida. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fimosi dei maschietti: agire con cautela e cognizione di causa è d’obbligo!

04/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

Paradossalmente può essere la manovra che a volte si esegue per favorire lo scorrimento del prepuzio sopra il glande a ostacolare la risoluzione spontanea della fimosi, quindi a peggiorarla.  »

Menarca a 10 anni: è preoccupante?

03/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La prima mestruazione a 10 anni non è un fenomeno significativo dal punto di vista medico, mentre lo è il sovrappeso che probabilmente ne ha favorito la comparsa.   »

In ansia per quello che non mangerà alla scuola materna

31/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

All'asilo i bambini tendono ad accettare di buon grado pietanze che a casa respingono, per imitare i coetanei. L'ingresso in comunità sotto il profilo dell'alimentazione è spesso provvidenziale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti