Preoccupazioni eccessive per accadimenti banali a inizio gravidanza

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 04/06/2023 Aggiornato il 19/06/2023

Quando si affronta la gravidanza ossessionate dal timore che anche un accadimento banale possa avere conseguenze importanti sulla salute propria e del bambino, può essere opportuno considerare la possibilità di farsi aiutare nella gestione dell'ansia.

Una domanda di: Annamaria
Salve, sono incinta di 6+6 settimane ma ho tre dubbi che non mi fanno stare tranquilla, per evitare di chiedere sempre al mio ginecologo e sembrare ossessiva, provo a chiedere qui per avere qualche consiglio. Sono successi due episodi in due giorni consecutivi che mi hanno preoccupata molto. Il primo: ero in macchina con una mia collega che durante la retromarcia non ha visto un cancello automatico ed lo ha tamponato. Io non ho sbattuto contro nulla con nessuna parte del corpo ma mi sono spaventata e adesso ho paura possa essere successo qualcosa. Secondo: ieri al parco con mio figlio di 7 anni ho ricevuto una pallonata abbastanza forte proprio sul sedere, ed anche questo avvenimento mi ha preoccupata. Terzo: cerco di andare sempre al lavoro con mezzi pubblici ma oggi ho dovuto camminare un bel po’ per sbrigare delle commissioni, credo di aver camminato due chilometri, senza correre a passo lento. Probabilmente sono tre avvenimenti banali infatti tutti mi rassicurano ma io ho troppa ansia di aver sbagliato qualcosa e che qualcosa possa essere andata male. Spero in una risposta. Cordialmente.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara signora, posso dirle a quale criterio attenersi in caso di piccoli infortuni per capire quando può essere giustificabile allarmarsi: a essere potenzialmente pericolosi per il feto sono i colpi, gli urti, le compressioni che coinvolgono il pancione e causano dolore anche alla futura mamma. In questa eventualità è necessario recarsi in pronto soccorso per sottoporsi a un controllo ostetrico, soprattutto a partire dal secondo trimestre. Per quanto riguarda camminare, in gravidanza non solo non è pericoloso ma anzi è raccomandato, come lei di sicuro comunque sa già visto che lo svolgimento di un movimento dolce (e camminare lo è) fa parte delle raccomandazioni da seguire nei nove mesi e lei è già alla seconda esperienza. Direi quindi che in relazione ai tre eventi non corre alcun rischio. Quello che però preoccupa della sua email è l’ansia per accadimenti assolutamente banali, che chiunque comprenderebbe privi di conseguenze e che certo non richiedono di essere sottoposti all’attenzione di un medico (infatti lei per prima dice che preferisce non consultare il suo ginecologo per non apparirgli ossessiva). Mi fa pensare anche il suo parlarne con tutti (come ha riferito), senza tuttavia farsi convincere dalle rassicurazioni che questi tutti le hanno dato. Preoccupa perché lei è all’inizio della gravidanza, la cui durata è di 40 settimane: come potrà affrontarle, visto che come è normale accada (e come succede a tutte le donne incinte) non le sarà possibile evitare qualsiasi inconveniente? Credo che lei sia consapevole delle possibili difficoltà emotive che la attendono e questo è già un buon primo passo per controllarle. La sua affermazione “io ho troppa ansia” mi suggerisce che forse anche prima di rimanere incinta lei si trovasse in una condizione psico-emotiva difficile: se così fosse la gravidanza potrebbe aumentare la portata del problema e questo è meglio che non succeda. Mi chiedo se non sia il caso di discutere con il ginecologo curante l’opportunità di farsi sostenere da uno psicoterapeuta, anche solo per acquisire gli strumenti per affrontare serenamente il quotidiano, affinché il periodo della gravidanza non sia troppo oneroso da sostenere sotto il profilo emotivo. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti