Presenza di coaguli di sangue nell’utero dopo un’IVG

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 27/12/2021 Aggiornato il 20/12/2022

Dopo un'interruzione volontaria della gravidanza è possibile che ci vogliano alcune settimane affinché tutto il materiale venga espulso dalla cavità uterina.

Una domanda di: Ludovica
Il 9 dicembre ho avuto un aborto farmacologico, da allora ho perdite di sangue con grumi evidenti, il 22 ho fatto una ecografia interna dove sono stati evidenziati dei piccoli coaguli di sangue. Mi chiedo è possibile che questi vadano via da soli? Ho interrotto la gravidanza a 6 settimane.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, la procedura farmacologica di interruzione di gravidanza prevede la somministrazione di farmaci che hanno appunto lo scopo di impedire che la gravidanza prosegua e, allo stesso tempo, di determinare l’espulsione del concepito. Tuttavia può persistere materiale all’interno della cavità uterina nei giorni e nelle settimane successive all’utilizzo dei farmaci in quanto il materiale viene espulso dall’utero con tempi che sono variabili e non prevedibili. E’ necessario pertanto effettuare controlli a distanza di tempo, generalmente dopo 3 /4 settimane dalla procedura. Più di preciso occorre effettuareil testi di gravidanza e l’ecografia, che appunto consente di verificare che tutto il materiale sia stato espulso. Questi controlli non è opportuno effettuarli prima del periodo che le ho indicato, in primo luogo perché quasi di sicuro il test di gravidanza risulterebbe ancora positivo (anche se la gravidanza si è interrotta) per il permanere nell’organismo dell’ormone beta-hCG. Attenda dunque di rifare il controllo non prima di fine mese. Dovrà invece consultare prima il ginecologo nel caso in cui comparissero perdite maleodoranti. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti