Preservativo + pillola (con una dimenticanza): posso essere incinta?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 09/11/2022 Aggiornato il 09/11/2022

Posto che non ha alcun senso usare insieme pillola e profilattico se si hanno rapporti con un partner abituale, in caso di pillola dimenticata e di preservativo rotto è possibile aver dato inizio a una gravidanza.

Una domanda di: Roberta
Assumo la pillola EFFIMIA da circa un anno per motivi legati alla regolazione e l’alleviare il mio flusso mestruale. Da 6 mesi ho iniziato ad avere rapporti regolari con il mio fidanzato ma usando sempre una doppia contraccezione, quale il preservativo. Nella settimana che va dal 24 al 30 ottobre ho avuto la settimana di sospensione e dunque riprendendo la pillola dal 31. Il 4 novembre ho avuto un rapporto, alla fine del quale (dopo avvenuta eiaculazione) ci siamo accorti che il preservativo era rotto… so che la pillola serve per non avere gravidanze indesiderate ma il mio dubbio si presenta poiché nel blister scorso (prima della settimana di sospensione) non sono stata perfettamente precisa con l’orario di assunzione e non ricordo se ho avuto episodi di diarrea. Dall’inizio del nuovo blister (dunque dal 31, prima del rapporto incriminato) sono stata molto precisa, con al massimo 15 minuti di ritardo nell’assunzione e non ho avuto episodi di vomito o diarrea… posso stare tranquilla? La ringrazio in anticipo!
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile Roberta, la pillola contraccettiva si assume per avere rapporti completi liberi. Se si utilizza il profilattico con funzione anticoncezionale “aggiuntiva” è davvero inutile impiegarla. Questo vale ovviamente in caso di rapporti con partner abituale, perché è ovvio che in caso di rapporti sessuali con partner occasionali sia prudente usare anche il profilattico, come protezione dalle malattie sessualmente trasmesse. Venendo alla sua domanda, la pillola contraccettiva è estremamente efficace a patto di assumerle correttamente: se si tarda l’assunzione di una pillola a una distanza di più di 12 ore dalla precedente l’effetto anticoncezionale non è più garantito. Lo stesso vale in caso di episodi di diarrea perché è comprensibile che se la pillola viene espulsa prima di essere assorbita è come non averla presa. In conclusione, se al termine di questa confezione non dovesse comparire il sanguinamento da sospensione faccia per scrupolo un test di gravidanza. Penso comunque che possa stare abbastanza tranquilla, perché di fatto il problema riguarda una sola compressa oltretutto assunta verso la fine del blister che è il momento meno pericoloso in caso di dimenticanze. Il più a rischio è invece quello immediatamente successivo alla settimana di sospensione: dimenticare una delle prime compresse del blister diminuisce l’azione contraccettiva della stesse molto più di quanto accade dimenticando l’ultima. In generale, le consiglio di evitare il preservativo se vive una relazione stabile e prende la pillola, a cui si ricorre appunto per non dover usare i contraccettivi di barriera che possono rappresentare un elemento di disturbo per l’intimità. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti