Principio attivo diosmina: si può usare in gravidanza?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 28/12/2020 Aggiornato il 28/12/2020

L'assunzione di flavonoidi in gravidanza richiede particolare cautela.

Una domanda di: Flora
Sono alla settimana 27 di gravidanza e, purtroppo, da qualche giorno soffro di emorroidi.
La ginecologa mi ha consigliato Emortrofine Oro (3 bustine al giorno) ma ho letto che contiene Diosmima che non è adatta in gravidanza. Ho sbagliato ad assumerlo? Finora ne ho assunte 3 bustine per 2gg e, peraltro, con risultati scarsissimi in termini di riduzione del dolore. Cosa posso prendere? Venoruton? Creme tipiche? Ed eventualmente quali? Grazie.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Flora,
l’assunzione in gravidanza di flavonoidi, come la diosmina, richiede cautela. Alcuni studi condotti in animali da laboratorio hanno segnalato un possibile rischio di chiusura del dotto di Botallo, un vaso importante per la circolazione del sangue nel feto. Non si sa se questo rischio esiste anche per la gravidanza umana, ma nel dubbio è preferibile la prudenza.
In aggiunta a una dieta ricca di fibre, all’aumento del consumo di acqua e liquidi e all’attività motoria, per il trattamento delle emorroidi in gravidanza possono essere impiegate pomate a uso locale contenenti anestetici locali. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti