Problemi dopo un aborto interno

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 13/07/2023 Aggiornato il 13/07/2023

Se viene rilevata la persistenza di materiale abortivo nell'utero è necessario continuare a fare controlli fino a quando la situazione non si normalizza.

Una domanda di: Susanna
Ho avuto un aborto interno all’11^settimana, in ospedale mi hanno fatto fare l’aborto farmacologico ma non ha funzionato quindi ho fatto anche un raschiamento(23/06) da sveglia perché si era bloccato tutto nel collo dell’utero. Dopo 10 giorni ho fatto una visita ginecologica e mi ha detto di avere ancora dei rimasugli in utero. Mi ha consigliato di aspettare la mestruazione che secondo lui mi sarebbe venuta dato l’endométrio di 15 mm. Da 10 giorni mi sono finite le perdite ma ho iniziato ad avere dolori fissi al basso ventre. Ho chiamato di nuovo il ginecologo e mi ha detto che è normale ma io sono preoccupata. Le beta sono ancora alte: ho fatto un test di gravidanza e risulta ancora positivo.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, la procedura farmacologica a seguito di un aborto spontaneo (immagino a bassa età gestazionale ) è da preferirsi rispetto alla procedura chirurgica in quanto quest’ultima è gravata da possibili complicanze (lacerazioni dellla cervice, perforazioni uterine e sinechie post chirurgiche). Il percorso farmacologico cerca di facilitare l’espulsione del materiale abortivo che talvolta rimane intrappolato nella cervice uterina tanto da dover essere raccolto nei giorni successivi con delle procedure che generalmente prevedono il posizionamento di speculum e l’uso di strumenti ad hoc. La presenza poi di piccoli frammenti nella cavità dell’utero generalmente si risolve nel arco del mese successivo alla procedura con la completa restituito ad integrum. In quel periodo sono certamente possibili delle perdite e la necessità di controlli per verificare il buon esito. Di solito lo specialista di fiducia è in grado di gestire con il controllo clinico ed ecografico la situazione e con la negativizzazione delle beta si mette fine al follow up. Nel caso di persistenza o innalzamento dei valori delle beta o la variazione ecografica delle situazione endocavitaria potrà essere indicata una valutazione istopatologica per i rari casi di test di gravidanza positivi che possono in realtà rilevarsi casi di trasformazione atipica del materiale coriale (mola vescicolare) per la quale naturalmente il percorso di controllo cura e gestione viene definito solo con là diagnosi. Comprenderà quindi come sia utile il continuare a verificare che tutto proceda per il meglio affidandosi ai suoi curanti. Sperando di essere stato utile la saluto con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

DNA fetale o amniocentesi a 42 anni?

20/09/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Le linee guida europee, seguite anche in Italia, sono chiare: prima di pensare al DNA fetale o all'amniocentesi è indicato (e importantissimo) sottoporsi al test combinato o Bi-test.  »

Ipercheratosi emersa dal pap test

11/09/2023 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

L'ipercheratosi è l'aumento della componente cheratinica della parete cellulare. Se viene evidenziata dal pap test richiede di ripetere l'indagine dopo sei mesi.  »

Tosse terribile, che nessun farmaco lenisce, in un bimbo di 5 anni

16/08/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La scuola di Trieste ha descritto ed etichettato più di vent'anni fa una manifestazione tipica dell'età pediatrica, fino ad allora non catalogata e poi battezzato con l'acronimo SIRT, che sta per Sindrome da Ipersensibilità dei Recettori della Tosse. Si tratta di un disturbo che oggettivamente dà tanta...  »

Fai la tua domanda agli specialisti