Problemi respiratori in un bimbo di 9 mesi (ma la causa non si trova)

Dottor Aldo Messina A cura di Dottor Aldo Messina Pubblicato il 16/05/2022 Aggiornato il 16/05/2022

Nell'ambiente in cui dorme e vive il bambino ci possono essere allergeni che scatenano difficoltà respiratorie: è una possibilità da prendere in considerazione.

Una domanda di: Giulia
Spero che mi possiate aiutare, mio figlio ha 9 mesi e dal nulla fa uno stridore durante l’inspirazione, gli succede per qualche secondo e poi passa per poi ritornare. non si associa la tosse. L’aveva già fatto due mesi fa, portato al pronto soccorso mi dissero che si trattava di laringospasmo e l’abbiamo trattato con cortisone e adrenalina ed era passato. Di recente l’ha fatto di nuovo per cui ho voluto approfondire. Fatta visita dall’otorino ( laringoscopia) non è emerso niente. Quindi abbiamo escluso laringospasmo, laringomalacia ecc. Abbiamo fatto esami del.sangue e per fortuna è tutto negativo. Adesso ,dopo aver fatto aerosol con aircort e fisiologica non lo fa più, ma ho paura che possa rifarlo e vederlo così senza poterlo aiutare è veramente brutto. Inoltre tutte le mattine, dalle 5 del mattino in poi, comincia ad avere problemi a respirare come se fosse raffreddato ma non lo è. Questo problema lo porta inevitabilmente a svegliarsi e non appena si sveglia passa. Durante i riposini pomeridiani dorme tranquillamente. Secondo voi cosa può essere. Non so a chi rivolgermi. A quali specialisti. Vi prego di indirizzarmi. Grazie.

Aldo Messina
Aldo Messina

Eccoci accanto a te, gentile mamma. Prima domanda: ) la visita (anche otorino)è stata eseguita in assenza o in presenza di sintomatologia? 2) c’è familiarità per allergia 3) mi descrive l’ambiente nel quale il bambino soggiorna? 4) è lo stesso ambiente di giorno e di notte? Il fatto che la sintomatologia migliori con quel tipo di terapia fa confermare la diagnosi del PS e se la visita ORL è stata eseguita in assenza di sintomatologia, La diagnosi non è esclusa! Mi creda il miglior medico in questi casi è lei. Osservi attentamente le cause scatenanti soprattutto l’esposizione a eventuali allergeni (pollini, muffe, umidità , cani, gatti , peluches ecc), dopodiché è il suo pediatra il riferimento, colui che saprà consigliarla. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti