Profilassi anti-D nel settimo mese di gravidanza: farla o no?

Dottoressa Faustina Lalatta A cura di Dottoressa Faustina Lalatta Pubblicato il 30/10/2023 Aggiornato il 30/10/2023

La profilassi anti-D in genere si effettua dopo il parto o eventualmente nel primo periodo della gravidanza, per esempio in seguito a un'indagine prenatale invasiva, come l'amniocentesi. Ma se il curante ritiene opportuno che venga fatta nel terzo trimestre è più che consigliabile avere fiducia nell'indicazione e dargli ascolto.

Una domanda di: Stefania
Salve ho sempre fatto l’immunoprofilassi dopo il parto. Adesso sono al settimo mese e mi dicono che debbo farla …finora risulto sempre negativa quando effettuo l’esame: devo farla obbligatoriamente questa puntura mentre sono incinta? Sono preoccupata. Grazie se mi risponderà.
Faustina Lalatta
Faustina Lalatta

Gentile signora, la negatività del test di Coombs indica la mancanza di anticorpi contro globuli rossi estranei ai propri. È un esito cruciale per il benessere fetale, figlio di una coppia con incompatibilità ABO ed Rh. La positività, situazione molto allarmante in gravidanza, indica che la mamma ha sviluppato una immunità contro i globuli rossi del nascituro perché diversi dai propri. L’unico modo per restare “negative” al test di Coombs cioè non immunizzate, è quello di ricevere ad ogni parto o aborto le immunoglobuline contro le proteine espresse dai globuli rossi estranei (anti-D) , cioè quelli fetali, così che vengano subito neutralizzate. In generale l’immunoprofilassi deve essere praticata entro 72 dal parto. Se non venisse somministrata potrebbero esserci conseguenze gravi o gravissime per le gravidanze successive. Per quanto riguarda la somministrazione nel terzo trimestre di gravidanza, con Coombs negativo, non so dirle perché hanno deciso di effettuarla visto che non mi dà alcuna informazione esplicativa. Le suggerisco di chiedere chiarimenti su questa procedura al ginecologo curante che, sicuramente, ha le sue buone ragioni per avergliela prescritta (e gliele dirà). Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti