Progesterone in gravidanza: c’è rischio di ipospadia se il bimbo è maschio?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 11/10/2019 Aggiornato il 11/10/2019

Il progesterone assunto nel primo trimestre di gravidanza non aumenta il rischio di anomalie del pene nei feti maschi.

Una domanda di: Valentina
Buongiorno, ho letto che il progesterone assunto in gravidanza per ridurre il rischio di aborto spontaneo può aumentare il rischio di ipospadia nel caso di feto maschio. Io dovrò prendere ovuli di progesterone almeno per tutto il primo trimestre di gravidanza e vorrei quindi sapere se ciò è vero o no. Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Buongiorno signora, dai dati disponibili in letteratura si evince che il Progesterone non è pericoloso se assunto nel primo trimestre di gravidanza per scongiurare il rischio di aborto precoce e nemmeno causa problemi di sorta se viene utilizzato nel secondo o terzo trimestre per ridurre il rischio di parto prematuro. La possibilità che il progesterone dia ipospadia è stata sollevata, ma NON per il progesterone in quanto tale, bensì per i suoi derivati, ossia i progestinici di sintesi, solitamente presenti nei contraccettivi orali combinati.
Tra questi ricordiamo: Desogestrel, Drospirenone, Diidrogesterone , Etisterone, Etinodiolo diacetato, Etonogestrel, Gestodene, Idrossiprogesterone, Levonorgestrel, Medrossiprogesterone, Megestrol acetato, Norelgestromina, Noretindrone, Noretindrone acetato, Noretinodrel, Norgestrel, Norgestimate.
Come vede sono veramente molti!
Per quanto riguarda la gravidanza, le formulazioni di progesterone più comunemente utilizzate sono Progeffik o Prometrium, entrambi a base di progesterone micronizzato. Non vedo quindi motivo di allarmarsi e spero invece di averla motivata ad assumere Progesterone per scongiurare una minaccia di aborto nel primo trimestre…altrimenti a risentirci!
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni cutanee dopo una puntura di insetto

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

A volte a scatenare reazioni sulla pelle può essere anche l'applicazione dell'antistaminico in crema.  »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti