Prolattina alta: è di ostacolo alla maternità?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 01/11/2022 Aggiornato il 01/11/2022

Livelli di prolattia che superano a soglia desiderabile possono ostacolare il concepimento ee eventualmente il buon proseguimento della gravidanza.

Una domanda di: Zaira
Buongiorno, sono una ragazza di 31 anni, ho da sempre ciclo regolare ogni 25/26 giorni, ma allo stesso tempo anche prolattina molto alta anche tre volte superiore al limite massimo, ma dovuta a stress poiché da risonanza con mezzo di contrasto non è uscito nulla. Un mese fa ho avuto un aborto spontaneo a 6 settimane. Ora sono già ripulita. Mi chiedevo se la prolattina molto alta che sale e scende a seconda del mio stato psicologico, potrebbe essere la causa dell’aborto spontaneo o comunque causarne altri. La mia ginecologa dice di riprovare subito e che la prolattina alta non avrebbe dovuto neppure farmi rimanere incinta.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara signora, la prolattina in condizioni normali aumenta di livello a partire dalla gravidanza per iniziare a stimolare le ghiandole mammarie e poi va incontro a un grande incremento dopo il parto, per consentire l’allattamento (da qui il suo nome). La prolattina alta ostacola l’ovulazione e provoca irregolarità mestruali quindi di fatto può impedire di dare inizio a una gravidanza. Può farlo, ma non è una certezza come dimostra il fatto che lei è rimasta incinta. In realtà però la sua prolattina è solo di tre volte superiore al limite di normalità quindi non stiamo parlando di un problema enorme. Posto questo, mi chiedo se lei ha effettuato oltre alla risonanza le analisi del sangue per i dosaggi, per verificare il funzionamento della tiroide e delle ovaie. Non mi dice nulla del suo peso, e anche questo può essere un dato importante, né se assume farmaci che possono influenzare i livelli di prolattina (antidepressivi, sedativi, per esempio. Comunque sia le confermo che una situazione di stress protratto nel tempo senza mai allentarsi può essere implicato nell’alterazione. In generale, in casi come il suo potrebbe essere opportuno fare ulteriori indagini per escludere altre cause (per esempio, la sindrome dell’ovaio policistico) se già non è stato fatto. Infine sì è possibile che la prolattina alta favorisca l’aborto spontaneo. Ma tutto questo vale a titolo generale: lei ha una ginecologa che la segue ed è a lei che deve dare ascolto perché non parla da remoto, senza ben conoscerela situazione, come faccio io, ma dà i suoi suggerimenti con piena cognizione di causa perché possiede tutte le informazioni del caso. Si fidi di lei. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti