Proteinuria in 23^ settimana di gravidanza

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 16/10/2023 Aggiornato il 16/10/2023

La presenza di proteine nelle urine deve suggerire una visita nefrologica, per verificare che non vi siano alterazioni della funzionalità renale.

Una domanda di: Marcella
Salve dottore, sono alla 23esima settimana di gestazione. Ho eseguito esame della proteinuria e sono a 805mg. Ho ipertensione gestazionale e prendo compressa aldomet 250mg per 2 volte al giorno però giornalmente la pressione si mantiene bassa. Sono già in preeclampsia? È già grave la situazione? Se tenuta sottocontrollo può succedere qualcosa alla mia piccola? Grazie mille.

Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Marcella,
con una pressione normale ha una proteinuria un po’ eccessiva.
Ha bisogno di una visita nefrologica per essere sicuri che non vi sia una patologia renale in primis resa evidente da questa situazione ipertensiva.
Attualmente la situazione è sotto controllo, dobbiamo vedere se fra 28 e 32 settimane la situazione evolve verso un quadro di riduzione della crescita fetale o no.
Fino a tale data mamma tranquilla perche la pressione è sotto controllo e il feto cresce anche se vi fosse una situazione pre eclamptica.
Alcuni specialisti in questi quadri consigliano assunzione di una piccola dose di acido acetilsalicilico giornaliera. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fratello e sorella (solo da parte di madre) possono avere figli sani?

22/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

I figli di consanguinei hanno un alto rischio di nascere con anomalie genetiche e disturbi del neurosviluppo. Questa è la principale ragione per la quale nelle società organizzate sono vietate le unioni tra parenti stretti.   »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti