Cacca nel pannolino: perché riprende a farla?

Dottoressa Paola Rolando A cura di Dottoressa Paola Rolando Pubblicato il 24/02/2016 Aggiornato il 01/08/2018

Un bimbo di oltre tre anni, dopo aver imparato a fare la cacca nel water, ha ricominciato a farla solo nel pannolino… Risponde la dottoressa Paola Rolando

Una domanda di: Maria
Salve, sono la mamma di un bambino di tre anni e 4 mesi. Dopo aver levato il pannolino e imparato a fare le feci nel water, adesso da un mesetto non vuole più farle nel water e la fà addosso. Gli ho promesso mari e monti se fosse riuscito a farla nel water ma senza successo

Gentilissima mamma,

tra i diciotto mesi e i tre anni si verifica quello che viene denominato controllo degli sfinteri ovvero la capacità fisiologica del bambino di saper controllare i muscoli che consentono di trattenere e rilasciare la pipì e la popò quando ne ha lo stimolo.

È una fase evolutiva che rappresenta un primo passo verso l’autonomia ed è un momento delicato che va affrontato con serenità, seguendo i tempi del bambino senza anticiparli o ritardarli.  

Per quanto riguarda suo figlio, mi pare di aver capito che avesse imparato più che bene a defecare da solo ma, che adesso non riesca più a trattenere le feci nonostante sia in grado di farlo.

Tale fenomeno prende il nome di encopresi, un disturbo che colpisce un elevato numero di bambini specie di sesso maschile e consiste nell’emissione involontaria delle feci.

Sarebbe bene valutare con il pediatra eventuali cause di origine anatomica o alimentare, escluse le quali, è opportuno osservare il comportamento del bambino, prestare attenzione al suo vissuto e ad eventuali fattori scatenanti come la nascita di un fratellino-sorellina, l’ingresso nella scuola materna, tensioni e conflitti emotivi con i genitori o i coetanei ma anche imposizioni igieniche troppo rigide, per comprendere il perché, all’improvviso, sia regredito.

Cercate di ascoltare i suoi bisogni, non fatelo mai sentire in colpa, riponete totale fiducia in lui e sostenetelo per risolvere insieme il problema.

Resto comunque a disposizione, nel caso avesse piacere di darmi maggiori informazioni sulla quotidianità del suo piccolo.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti