Giusto o sbagliato quello che faccio?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/11/2017 Aggiornato il 17/11/2017

Le mamme possiedono un'antenna speciale che, insieme all'affetto, al buon senso e alla capacità di mettere pochi e giusti paletti, permette di comprendere, al di là di qualunque rigido modello ideale, qual è il meglio per il proprio bambino.

Una domanda di: Luisa
Vi scrivo per avere dei chiarimenti.
Mio figlio, 9 mesi e mezzo, dorme nel lettino vicino a me.
Di notte si sveglia e per riaddormentarlo lo allatto. Anche per
addormentarsi la sera lo allatto.
Purtroppo questa abitudine c\’è da quando è nato.
Vi chiedo: è sbagliato? cosa potrei fare e come è giusto addormentarlo?
Vi ringrazio per la vostra attenzione e porgo i miei saluti

Angela Raimo
Angela Raimo

Cara mamma Luisa,
lei scrive “purtroppo” parlando delle abitudini del suo piccino rispetto alla nanna. Ma perché? Non c’è nulla di cui rammaricarsi in relazione alla modalità con cui si addormenta. E’ normale che un bimbo abbia bisogno del seno e dell’abbraccio della sua mamma prima di dormire ed è giusto che li ottenga. Non durerà per sempre, ma fino a quando sarà si goda il suo piccino, la sua vicinanza, il suo “desiderio di mamma” e lo faccia con gioia e naturalezza, ché la prima infanzia dei figli passa in un amen e poi ci si dispiace di non aver apprezzato il proprio “essere indispensabili”. Il suo bambino, come tutti i bambini, ha trovato il suo modo per addormentarsi e va benissimo così. Può comunque introdurre un rituale della nanna, che deve sempre essere uguale, e che può prevedere questo schema (vale come esempio, perché poi ogni mamma può fare come crede): bagnetto, pigiamino, poppata, lettura della fiaba o canzoncina, lettino. In generale, ascolti il suo cuore, si fidi della sua “antenna di mamma” più che cercare modelli educativi a cui attenersi con rigidità. Per crescere un bambini equilibrato, sereno e sicuro di sé, aperto verso il mondo esterno, occorrono pochi ingredienti: affetto, disponibilità, pazienza, ascolto e la capacità di far osservare, senza vacillamenti, poche regole giuste relative al comportamento. Il tutto mediato e illuminato dal buon senso comune, prezioso per fare il meglio possibile. A sua disposizione, se vuole. Tanti cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti