aggressività e crisi di collera

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/06/2013 Aggiornato il 24/06/2013

Risponde: Dottoressa Alessandra Varotto

Una domanda di: farfalla84
Salve, sono la mamma di una bimba di due anni e mezzo. La bimba, da quando ha compiuto due anni e soprattutto negli ultimi tempi, è diventata molto irrequieta, alza le mani, morde, dà calc e schiaffi. È una bambina molto vispa, ma non riesco a capire il motivo di questo suo atteggiamento. È molto coccolata da noi genitori e dai suoi nonni, la portiamo spesso in giro e ai giochi. Quando posso le sto vicino e giochiamo insieme, però il suo atteggiamento rimane abbastanza aggressivo, a volte anche con altri bambini. Come mai? La ringrazio e aspetto una sua risposta.

Gentile Signora,
è noto che durante il 2° anno di vita, possono presentarsi crisi di collera vere e proprie che possono acuirsi soprattutto quando il bimbo non ottiene ciò che vuole. Generalmente, queste situazioni di "irrequietezza" sono inscenate nei luoghi e nei momenti meno opportuni, quando il bambino sa di mettere maggiormente in imbarazzo i genitori. Alcuni piccoli arrivano a dare schiaffi, calci e morsi ad altri bambini, ma anche a compiere azioni lesive verso se stessi. In questi casi Le suggerirei di intervenire con fermezza, anche fisica, trascinando via di peso la sua piccola vispa, per poi contenerla in braccio per darle un senso della protezione. Il bimbo "rabbioso" ha, infatti, bisogno di sentirsi "bloccato" con sicurezza dal genitore in una reazione che lui stesso non è capace di gestire. Passata la tempesta, senza risentimento, dovrebbe far sentire e capire alla bimba che la sua collera non è stata distruttiva e che non è successo nulla di irrecuperabile. Il gioco è la via migliore per far ritornare il sereno. Per esempio, tutte le attività con sabbia, pongo, plastilina e colori a dita sono sperimentazioni utili a sciogliere le tensioni e a permettere alla sua bambina di trasformare le pulsioni distruttive in forze riparatrici. La saluto cordialmente.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti