claudia [uid:162]

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/12/2012 Aggiornato il 17/12/2012

Risponde: Dottoressa Alessandra Varotto

Una domanda di: claudia
Buongiorno dottoressa, mia figlia di 4 anni e mezzo è da sempre supercapricciosa e per quanto a noi genitori sembra di non dargliele tutte vinte, di fatto non perde occasione per fare i capricci. Quando si sveglia con la luna storta, ogni occasione è buona per attaccare briga: l'altro giorno, per esempio, c'era il sole e voleva andare all'asilo con l'ombrello e giù capricci, pianti e strilli. Ieri (domenica) non voleva essere pettinata per uscire e così alla fine siamo stati tutti in casa. Alla sera, poi, ha superato se stessa: mentra stava giocando con il fratello (di 5 anni e mezzo) gli ha dato un morso sulla spalla e l'ha fatto sanguinare! Dove abbiamo sbagliato? E soprattutto che cosa dobbiamo fare per farla smettere? Ormai la situazione ci sta sfuggendo di mano. Grazie per la sua risposta

Gentile Signora,
essendo i morsi sulla spalla dolorosi posso capire che le vengano dubbi sul modo che ha sua figlia di esprimere l’affetto verso le persone che le sono vicine. Tra i 4 e i 5 anni i bambini dovrebbero divenire “emotivamente autosufficienti”, ovvero capaci di gestire e di controllare le proprie emozioni. Le difficoltà che il genitore si trova ad affrontare in quest’ambito possono essere molto diverse a seconda del temperamento e dalla presenza di aspettative sociali più o meno elevate. Esistono, tuttavia, alcuni metodi generali cui mamma e papà potrebbero appellarsi per favorire lo sviluppo della capacità di autoregolazione. Ne riporto alcuni sperando le siano di utilità.
Per ottenere l’attenzione, fate in modo che la bambina la guardi negli occhi, anche tenendole dolcemente le mani e muovendo piano il suo volto in direzione del vostro; parlate chiaramente, ma senza urlare;
escludete eventuali elementi di disturbo (per esempio spegnere la televisione, la radio o la musica); create delle attività abituali da fare insieme; lodatela e abbiate un atteggiamento positivo, ricompensandolo quando fa la brava; aiutatela a pensare prima di agire: stabilite la consuetudine del “fermati-pensa-agisci”.
Dopo che la bambina si è dedicata a un’attività, incoraggiatela a parlare dei propri sentimenti e dell’esperienza vissuta.
La saluto cordialmente.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Ureaplasma urealyticum : che fare quando si scopre l’infezione?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ureaplasma urealyticum una volta scoperto deve necessriamente essere curato con l'antibiotico. La terapia deve essere affrontata da entrambi i partner, anche s euno dei due non ha sintomi, per evitare l'effetto "ping pong", ossia di continuare a contagiarsi a vicenda.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti