comportamenti aggressivi

Dottoressa Nicole Bianchi A cura di Dottoressa Nicole Bianchi Pubblicato il 13/04/2012 Aggiornato il 31/07/2018

Risponde: Dottoressa Nicole Bianchi

Una domanda di: stefyorl
Mia figlia ha 16 mesi. E' molto legata a me, anche se
lavoro e la maggior parte del tempo la passa con i nonni. Quello che mi
preoccupa è l'atteggiamento che ha nei confronti del padre, in quanto vuole
stare poco con lui e nelle occasioni in cui lui si avvicina lei lo graffia e
tenta di fargli del male. Lui di conseguenza stà poco con la bambina.Come
ci dobbiamo comportare? Grazie

Cara mamma,

fra i 15 e i 18 mesi i bambini sviluppano una capacità, chiamata autocoscienza, che permette loro di acquisire consapevolezza non solo di ciò che fanno, ma anche di ciò che sono. Ad esempio, posti davanti ad uno specchio non vedranno più solamente la figura di un bebè riflessa di fronte a loro, ma si riconosceranno in quella figura. L’autoscienza porta i bambini e i genitori a vere e proprie rivoluzioni nella relazione. Sua figlia si trova proprio ad attraversare questa fase nuova e più interattiva, rispetto a quelle precedenti. Il suo manifestare comportamenti oppositivi verso il papà, fa pensare ad un dissenso per il fatto di non trascorrere molto tempo in sua comnpagnia. Sembra chiedere al papà di avvicinarsi a lei, giorno per giorno, dedicandole un pochino più di attenzioni. Cerchi di rassicurare il papà, incentivandolo a leggere il comportamento della bimba come una richiesta di avvicinamento, anzichè di allontanamento.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti