Ginevra

Dottoressa Nicole Bianchi A cura di Dottoressa Nicole Bianchi Pubblicato il 12/04/2012 Aggiornato il 31/07/2018

Risponde: Dottoressa Nicole Bianchi

Una domanda di: ginevra
Buongiorno dottoressa,

mia figlia di 3 anni vuole stare sempre con il suo papà. Io ci rimango molto
male e faccio di tutto per ritagliarmi dei momenti tutti nostri. So che il
complesso di Edipo è una realtà ma mi chiedo se devo pazientare o se posso
intervenire in qualche modo? Grazie per la sua cortese risposta
Argomento: Psiche e comportamenti

Cara mamma,

Al di là delle teorie alla base dello sviluppo infantile, capisco il suo rammarico nel trovarsi a dover “contrattare” l’attenzione di sua figlia e nel vedere come, invece, riesca facile a suo marito riuscire in questa impresa. Forse le può servire sapere che, nei primi anni, i bambini oscillano di continuo, passando periodi di vere e proprie cotte mamma e per papà, rivolgendo la loro attenzione in modo elitario per l’uno, o per l’altra. In questo periodo la passione di sua figlia è rivolta verso il papà, ma vedrà che, fra non molto tempo, arriverà anche il suo turno. Questi comportamenti sono dettati dal forte bisogno dei bambini di scoprire e di iniziare il processo di identificazione. Questo avviene attraverso il costante scambio relazionale, in primis quello con i genitori. Perciò fa bene a pazientare, ma con una certa consapevolezza di ciò che sta accedendo alla piccola e a tutta la famiglia

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue in gravidanza: andare o no al pronto soccorso?

15/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza è opportuno andare al pronto soccorso solo se le perdite ematiche sono abbondanti come una mestruazione.   »

Antidepressivi in gravidanza e pareri discordanti

09/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al di là delle singole convinzioni e delle singole opinioni, in ambito scientifico è certo che esistono farmaci antidepressivi compatibili con gravidanza e allattamento e la Sertalina (inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina) è uno di questi.  »

Test del DNA fetale: prima o dopo il bi-test?

09/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Lo screening del primo trimestre di gravidanza (test combinato e test del DNA fetale), che rappresenta il "percorso non invasivo", deve seguire la sequenza sancita dalle Società scientifiche, che prevede l'esecuzione prima del test combinato e dopo, eventualmente, del test del DNA fetale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti