patty974

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/02/2013 Aggiornato il 11/02/2013

Risponde: Dottoressa Alessandra Varotto

Una domanda di: patty974
Buonasera, ho un bimbo di 3 anni. È sempre stato molto sveglio e autonomo, ma ora è sempre più ingestibile, capriccioso e testardo. Esiste solo il "no" come sua risposta a ogni cosa. Praticamente, ci sfida sempre. Noi lo sgridiamo ogni volta, ma lui continua nei suoi atteggiamenti. Prima pensavo che andare all'asilo lo avrebbe calmato, ora temo che invece lo "carichi" di più. Anche portarlo fuori ormai è una lotta. Mi chiedo quando si calmerà e come posso gestirlo senza perdere la pazienza. Grazie per l'attenzione.

Gentile Signora, il periodo dei no è inevitabile nel processo evolutivo del bambino e i genitori devono rispettarlo cercando di non esasperare lo scontro con un atteggiamento troppo rigido o con l'imposizione di regole eccessivamente severe. Spesso i bimbi dell'età di suo figlio dicono no senza convinzione, soltanto per vedere l'effetto che ottengono. Se la reazione della mamma è tollerante, è facile che il no si trasformi in un assenso e che il bambino, dopo qualche minuto, faccia naturalmente quello che gli è stato chiesto. Diversamente, se la mamma prende di petto la situazione, eccedendo in rimproveri o in proibizioni, la passeggera fase di opposzione che il bimbo sta attraversando, si può trasformare in una fissazione e in un conflitto senza respiro.
Un accorgimento che potrebbe utilizzare per ridurre la necessità di reprimere il comportamento del suo bambino è quello di evitare le situazioni in cui inevitabilmente suo figlio diventa irrequieto e ingestibile. Provi a limitare le uscite del piccolo, come per esempio le cene al ristorante, le code ai supermerati o i passaggi da un negozio a un altro: sono tutte esperienze stressanti per un bimbo di tre anni che non è ancora capace di rispettare le regole di comportamento che questi contesti richiedono.
Vedrà che questa naturale fase di transizione del suo bambino lascerà presto il posto a esperienze di autonomia più evolute e a nuovi stadi di affermazione di una volontà che è diversa da quella dei grandi. Nella speranza di esserLe stata d'aiuto, la saluto cordialmente.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti