paura dell'estraneo

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 01/07/2013 Aggiornato il 01/07/2013

Risponde: Dottoressa Alessandra Varotto

Una domanda di: prince
Buongiorno, sono la mamma di un bambino di quasi nove mesi. Il bimbo quando vede gente estranea inizia a piangere fino a mancare il respiro e io non so cosa fare. Può darmi dei consigli? La ringrazio anticipatamente per la sua risposta.

Gentile Signora,
questa reazione di paura del suo piccolo non deve preoccuparla. È, infatti, un'ulteriore tappa dell'evoluzione dell'infante, che segna come il sorriso sociale, un ulteriore avanzamento delle sue capacità. Ora suo figlio è in grado di riconoscere se stesso come persona seprata dagli altri. Inutile quindi rimproverarlo se, di fronte a gente improvvisamente capitata in casa, il piccolo si mette a piangere fino a perdere il respiro. Come in tutte le diverse fasi di progresso, l'altra faccia dell'evoluzione è la paura. Se fin dai primi mesi le occasioni di incontrare volti nuovi sono state ricorrenti, questo processo sarà meno angosciante e il piccolo avrà maggiore facilità ad abituarsi a gente che non conosce.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti