paura dell'estraneo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/07/2013 Aggiornato il 01/07/2013

Risponde: Dottoressa Alessandra Varotto

Una domanda di: prince
Buongiorno, sono la mamma di un bambino di quasi nove mesi. Il bimbo quando vede gente estranea inizia a piangere fino a mancare il respiro e io non so cosa fare. Può darmi dei consigli? La ringrazio anticipatamente per la sua risposta.

Gentile Signora,
questa reazione di paura del suo piccolo non deve preoccuparla. È, infatti, un'ulteriore tappa dell'evoluzione dell'infante, che segna come il sorriso sociale, un ulteriore avanzamento delle sue capacità. Ora suo figlio è in grado di riconoscere se stesso come persona seprata dagli altri. Inutile quindi rimproverarlo se, di fronte a gente improvvisamente capitata in casa, il piccolo si mette a piangere fino a perdere il respiro. Come in tutte le diverse fasi di progresso, l'altra faccia dell'evoluzione è la paura. Se fin dai primi mesi le occasioni di incontrare volti nuovi sono state ricorrenti, questo processo sarà meno angosciante e il piccolo avrà maggiore facilità ad abituarsi a gente che non conosce.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fimosi del prepuzio in bimbo di sei anni: che fare?

15/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Se la pelle che ricopre il glande è serrata, è opportuno che il bambino impari, dopo il bagno o la doccia, a tirarla dolcemente all'indietro, fermandosi quando avverte dolore. La manovra, se effettuata regolarmente con mano leggera, può servire.   »

Streptococco B: quale cura?

01/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Lo streptococco B individuato in vagina non va curato in modo specifico. Solo al momento del parto rende opportuna la profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti