sviluppo del linguaggio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/04/2013 Aggiornato il 29/04/2013

Risponde: Dottoressa Alessandra Varotto

Una domanda di: silari
Buongiorno dottoressa, sono la mamma di un bimbo di 20 mesi che, da quando ne aveva 13, va al nido e non dice ancora una parola, neanche i classici mamma e papà! Quando gioca o siamo fuori casa, dice un mmmm, pappappa, cacaca, te te te… È un bambino attivo, interagisce con le altre persone, capisce tutto ciò che gli viene detto di fare. Se gli faccio vedere come si fa qualcosa (per esempio, come appendere la salvietta sull'apposito gancio) il giorno dopo vuol farlo lui. Indicando ogni cosa, si fa capire. Mangia da solo, si gira se lo chiamo e, nel complesso, mi sembra capisca tante cose! Non so però cosa pensare di questo ritardo. A questa età non dovrebbe dire già qualche parolina? Che cosa mi consiglia di fare?

Gentile signora, probabilmente il suo bambino è rallentato sul versante espressivo. Ciò non significa che abbia un ritardo generale del linguaggio, bensì che l'azione aiuta ancora molto la parola ma non va a sostituirla. Suo figlio si mostra attivo, interagisce con le altre persone e capisce tutto ciò che gli viene detto di fare, per cui non mi sento che rassicurarla del fatto che è un bambino con competenze sociali evolute. Un'unica raccomandazione: il bambino che comincia a parlare deve poter imitare, soprattutto a due anni, anche parole brevi, chiare, usate comunemente dagli adulti. L'errore comune che una mamma potrebbe commettere riguarda l'uso di vezzeggiativi, diminutivi o parole tipiche del baby talk. Il problema potrebbe essere anche di segno opposto, quando la mamma, per stimolare il bambino a un precoce apprendimento, si rivolge a lui soltanto con un linguaggio adulto, sofisticato, trascurando quella componente di calore effettivo e di spontaneità che stimola il bambino a riprodurre ciò che il genitore dice. Detto questo, mi sento di rasserenarla da ogni paura e, semmai, invitarla a una riflessione sul dialogo con il suo piccolo. Dialogo che dovrebbe rivelarsi come un giusto punto d'incontro tra espressione emotiva e competenza grammaticale. Mi tenga aggiornata su come andranno le cose. Con i migliori saluti.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti