Psoriasi, ipotiroidismo, tiroidite di Hashimoto: si può concepire?

A cura di Professor Angelo Ravelli Pubblicato il 24/07/2023 Aggiornato il 24/07/2023

Prima di pensare al concepimento, nel caso in cui ci siano segnali che suggeriscono la presenza di altri problemi oltre a quelli già esistenti, è bene approfondire il quadro clinico con esami mirati.

Una domanda di: Maria
Salve, gentile dottore ho 33 anni e soffro di ipotiroidismo, tiroidite di Hashimoto da tantissimi anni, leggera psoriasi e sindrome da attivazione immunitaria scoperta da poco ana + antidna + con sintomi correlati dolori articolari iniziati durante l’ultima gravidanza all’incirca due anni fa e linfonodi infiammati. Attualmente seguo una cura a base di Deltacortene 5 mg Pantorc ed Eutirox. Esami sempre sotto controllo per quanto riguarda l’ipotiroidismo. Prima gravidanza circa 3 anni fa con aborto spontaneo nelle prime settimane. Seconda gravidanza portata a termine solo con leggera gestosi nell’ultimo trimestre, assunto cardioaspirina fin dall’inizio della gravidanza e sostituita con eparina nell’ultimo trimestre. Cerco di concepire nuovamente e vorrei sapere se le suddette patologie possono interferire sul concepimento stesso e se sarebbe opportuno ricevere dal ginecologo o reumatologo una cura preventiva (come la cardioaspirina o altro) che aiuti l’attecchimento stesso. Vorrei ricevere un chiarimento in merito alle suddette patologie se potrebbero interferire sul concepimento e la ringrazio anticipatamente.
Angelo Ravelli
Angelo Ravelli

Cara signora, un quadro così complesso richiede necessariamente di essere valutato “in presenza” da un reumatologo. Agli esami effettuti aggiungerei il dosaggio degli anticorpi antifosfolipidi, perché un’eventuale positività del risultato va presa in considerazione come causa di aborti spontanei ripetuti. Bisogna anche escludere il lupus eritematoso, malattia di origine autoimmune che deve essere attentamente controllata prima di dare inizio a una gravidanza, per i problemi che può dare alla stessa, inclusi l’interruzione spontanea e l’interferenza sul corretto sviluppo del bambino. Quindi più che preoccuparmi di non riuscire a concepire, in questa sua particolare condizione verificherei soprattutto se vi sono le premesse per affrontare e portare a termine una gravidanza  nel modo desiderabile. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti