Punta del nasino gialla: cosa può essere?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 22/03/2021 Aggiornato il 22/03/2021

Se la condizione di salute generale è buona, la comparsa di un colorito giallognolo sulla punta del naso, non associata ad altri sintomi particolari, non desta preoccupazione.

Una domanda di: Ibrahim
Ho una bambina di nove mesi. Da circa un mese si nota ogni tanto la punta del naso di colore giallo, per il resto tutto bene, la bambina sta bene. Eliminando i caroteni dalla dieta non è cambiato niente, il fenomeno è rimasto.

Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile papà,
il colorito giallo se diffuso e se presente anche nelle sclere degli occhi assume un carattere relativo a disturbo della funzionalità epatica o a eccessiva presenza di bilirubina, come succede nelle anemie falciformi. A volte è in causa il cosiddetto “ittero di Gilbert”, dovuto ad un difetto di coniugazione della bilirubina, che si può manifestare in seguito a un digiuno prolungato o di assunzione di paracetamolo o anche solo a causa dell’accumulo di stress. In generale però in una bambina di nove mesi, che è sempre stata bene prima, la presenza saltuaria di colorito giallognolo della punta del naso non deve preoccupare. Il fatto che la condizione di salute generale sia buona ci tranquillizza del tutto. Anche la zucca, broccoli, spinaci, mango, papaia, patata dolce, oltre che le carote, possono determinare queste zone giallastre della pelle. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sui rischi di un quarto cesareo

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In caso di quarto cesareo i rischi ci sono e se ne deve tenere conto. Affidarsi a un centro altamente qualificato è d'obbligo per avere la certezza di ricevere un'assistenza adeguata.   »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti