Può essere tossica una crema idratante?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 30/04/2020 Aggiornato il 30/04/2020

Si può escludere con certezza che qualunque prodotto per l'igiene e la bellezza del corpo (purchè realizzati secondo la normativa vigente) possa risultare nocivo per il feto.

Una domanda di: Sara
Vi scrivo per chiedervi un consiglio. Posso continuare ad usare la stessa crema mani e corpo che usavo prima della gravidanza? Ho
letto diversi articoli a riguardo e quindi anche di ingredienti che potrebbero fare male come parabeni, oli essenziali, petrolati. Io non me ne
intendo di “inci” (elenco ingredienti) quindi leggendo quello della mia crema non ci capisco molto e la escludo a priori. Con danno per le mie mani che sono molto secche. Di
solito uso la crema con olio di mandorle ma leggo che ci sono altri ingredienti. Meglio andare su una crema per bimbi? Una crema sbagliata può davvero portare problemi al feto?

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora mamma, l’impiego di creme e prodotti per l’igiene personale in gravidanza diventa a volte motivo di apprensione.
In effetti, leggendo la composizione di uno shampoo o una crema per le mani, ci si rende conto di quante sostanze chimiche impieghiamo quotidianamente senza troppi scrupoli per la nostra salute o quella dell’ambiente.
Come medico, posso dirle di avere molta fiducia sulla capacità della sua pelle di ripararla quotidianamente non solo da virus, batteri e funghi, ma anche da centinaia di sostanze chimiche! La pelle in effetti è un organo molto sottovalutato…eppure ci protegge da così tante insidie!
In gravidanza può continuare a prendersi cura del suo corpo con gli stessi prodotti di sempre: anche per i cosmetici (come per gli alimenti) esistono delle regole precise in termini di protezione della salute e dell’ambiente!
Riguardo agli oli essenziali non abbia timore: un conto è ingerirli, un altro inalarli, un altro ancora applicare un prodotto che li contiene come detergente. Nell’ultimo caso l’assorbimento in circolo dell’olio essenziale è pressoché minimo, quindi non abbiamo per fortuna alcun rischio di compromettere la salute del nascituro.
Se decidesse di utilizzare anche una crema/olio corpo per idratare ad esempio la pelle della pancia, si ricordi di evitare di applicarli almeno una settimana prima dei controlli ecografici. La crema e l’olio sull’addome, infatti, creano una specie di interferenza con l’ecografia e rendono peggiore la qualità dell’immagine e quindi più difficoltoso l’esame.
Se volesse approfondire il tema le consiglio questo libro: “Una gravidanza ecologica” del dott. Carlo Valerio Bellieni, società editrice fiorentina
http://www.sefeditrice.it/catalogo/una-gravidanza-ecologica/177
Spero di averle risposto e di averla aiutata, cordialmente

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti