Può far male l’aloe in gravidanza?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 06/12/2020 Aggiornato il 20/12/2020

Nell'aloe sono contenute sostanze che potrebbero favorire le contrazioni uterine, meglio evitare.

Una domanda di: Ilaria
Salve vorrei capire se in gravidanza (secondo e terzo trimestre) assumere aloe e, più di preciso, il gel contenuto nelle foglie espone al rischio di aborto. Io lo assumo tutti i giorni.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Ilaria,
l’aloe contiene alcune sostanze chiamate antrochinoni che potrebbero causare una contrazione della parete uterina. I dati disponibili non consentono di valutare la sicurezza d’uso in gravidanza e per cautela è consigliabile evitarne l’assunzione, se non dopo valutazione con il medico curante.
Colgo l’occasione del suo quesito per ricordare come durante la gravidanza è sempre raccomandabile valutare con il proprio medico o il/la ginecologo/a la possibilità di ricorrere a farmaci, integratori e preparati fitoterapici “prima” di assumerli.
A volte quello che ai nostri occhi può apparire come naturale, e quindi innocuo, potrebbe comportare dei rischi per l’andamento della gravidanza.
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti