Può uscire con tosse e naso chiuso?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/02/2018 Aggiornato il 19/02/2018

Se non c'è febbre, il bambino può stare all'aperto anche se ha il naso chiuso e la tosse. Con tutte le precauzioni del caso.

Una domanda di: Elisa
Buongiorno, il mio bimbo di 5 mesi ha tosse grassa e nasino chiuso da più di una settimana. La pediatra mi ha detto di fare lavaggi nasali e aerosol ma
non passa. Non ha febbre. Cosa posso fare? Mi fido ad uscire o rischio che si ammali di più?
Grazie
Saluti
Stefano Geraci
Stefano Geraci

Cara mamma,
continuo con i lavaggi nasali e l’aerosol e, se il bambino ha già iniziato lo svezzamento, gli offra spesso dell’acqua, che rappresenta un ottimo fluidificante naturale per sciogliere meglio il catarro. E’ d’aiuto anche fargli il bagnetto per via del vapore che può respirare mentre sta nell’acqua. A mio avviso può uscire, nelle ore più calde della giornata e comunque se la giornata non è particolarmente gelida, coperto ragionevolmente (non deve raffreddarsi ma nemmeno sudare): meglio però non portarlo all’aperto subito dopo il bagno, per evitare di esporlo a un eccessivo sbalzo di temperatura. Vale ovviamente se non manifesta segni di malessere, non è abbattuto né sonnolento. In caso di febbre è invece meglio evitare di farlo stazionare all’aperto. Gli tenga comunque controllata la temperatura e se dovesse alterarsi senta il suo pediatra, Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti