Qual è il periodo giusto per concepire?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 05/11/2018 Aggiornato il 04/12/2022

L'ovulazione si verifica 14 giorni prima della data di arrivo della mestruazione a venire, quindi chi ha un ciclo regolare può individuare con una certa precisione il proprio periodo fertile, che inizia a partire da quando mancano cinque giorni al giorno dell'ovulazione.

Una domanda di: Francesca
Salve, ho avuto il ciclo il 2 novembre…sapreste mica indicarmi i giorni fertili per poter concepire?
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara lettrice, tutto dipende dalla lunghezza del suo ciclo mensile, inteso come arco di tempo che intercorre tra l’inizio di una mestruazione e l’inizio di quella successiva. Indicativamente, l’ovulazione si verifica 14 giorni prima della data di arrivo della mestruazione a venire, quindi il calcolo sulla carta può essere preciso solo “a posteriori”. In realtà, a grandi linee si può dire che l’ovulazione si verifica circa a metà del ciclo, se ovviamente questo è regolare. Poniamo che il ciclo sia sempre di 30 giorni: in questo caso è verosimile che l’ovulazione avvenga il sedicesimo giorno del ciclo, calcolato a partire dalla data di inizio dell’ultima mestruazione. Tenga presente che il periodo fertile dura 5 giorni, da contare a partire da quando mancano 5 giorni all’ovulazione. In pratica è possibile fecondare a – 5 : – 4; – 3; – 2; – 1 giorni dall’ovulazione e il giorno stesso dell’ovulazione (circa 24 ore). Il periodo fertile è segnato dalla presenza di un muco chiaro e filante, che sarebbe bene tutte le donne imparassero a riconoscere per avere informazioni sulla propria fertilità. Tenga comunque presente che spesso fare troppi conteggi non porta a nulla di buono, perché priva i rapporti sessuali di naturalezza e può addirittura renderli un momento non già gioioso, piacevole e appagante come dovrebbe essere, ma ansiogeno e carico di stress. In assenza di specifici problemi di infertilità, una coppia giovane e sana riesce a concepire nell’arco di un anno con tre rapporti sessuali non protetti alla settimana, affrontati per tutto l’arco dei mesi. Può essere forse più produttivo attenersi a questo principio, perché a volte preoccuparsi troppo di concepire può essere controproducente per il raggiungimento dell’obiettivo. Comunque sia le faccio tantissimi auguri e resto in attesa della bella notizia. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Timori dopo l’ecografia morfologica

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Quando l'ecografia morfologica rileva qualcosa che non torna rispetto ai parametri usuali la cosa migliore da fare per capire bene la situazione è certamente quella di ripetere l'esame dopo un certo lasso di tempo.   »

Bimbo che graffia gli amichetti: che fare?

10/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

I gesti poco opportuni compiuti tra il gruppo dei pari impediscono di creare relazioni soddisfacenti per chi li compie. Ma questo lo si impara vivendolo, con l'aiuto affettuoso e vigile di mamma e papà.   »

Fai la tua domanda agli specialisti