Qual è stato il rapporto sessuale che ha portato al concepimento?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 10/02/2020 Aggiornato il 17/02/2020

Stabilire il giorno esatto del concepimento, in caso di più rapporti sessuali nello stesso mese, è davvero molto difficile in quanto il periodo ovulatorio è influenzato da più variabili.

 

Una domanda di: Vanessa
Sono incinta e ho avuto l’ ultimo ciclo il giorno 16 ottobre 2019. Vorrei sapere con un ciclo di 25 giorni quando poteva essere avvenuto il concepimento.
Premetto che ho avuto 2 rapporti: il primo il 21 e il secondo il 27 ottobre. Le chiedo ciò perché nelle prime ecografie le misure erano nei parametri e poi con
l’esito della villocentesi mi dicono che il bambino è più grande di oltre una settimana rispetto al calcolo iniziale.
Grazie mille.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
in linea teorica, considerando un ciclo di 25 giorni, nel mese di ottobre il giorno dell’ovulazione dovrebbe essere stato (approssimativamente) il 28. Di conseguenza, visto che gli spermatozoi possono sopravvivere fino a sei giorni (anche fino a sette, a dire il vero) i giorni potenzialmente fertili dovrebbero essere stati, sempre in linea teorica, 23-24-25-26-27-28 ottobre. In base a questo
il rapporto che ha portato al concepimento dovrebbe essere stato quello del 27 ottobre. Ma stiamo parlando solo di teoria: è infatti più che possibile che la data dell’ovulazione sfugga ai nostri calcoli teorici perché le variabili che la influenzano sono numerose (lo stress, per esempio, come, sempre per esempio, una dieta dimagrante). Se le misure del bambino sono
maggiori di quello che ci si dovrebbe aspettare basandosi sul calendario ostetrico – che considera le settimane di gravidanza partendo dalla data di inizio dell’ultima mestruazione – si può ipotizzare che l’ovulazione si sia verificata in anticipo di un paio di giorni rispetto al nostro conteggio e che quindi il rapporto fecondante sia stato quello del 21 ottobre. Fermo resta che è anche possibile che il suo bambino sia di dimensioni maggiori rispetto alla media (che costituisce il parametro di riferimento) per sua natura. In generale non è comunque molto importante conoscere il giorno
esatto del concepimento, perché alla 38ma settimana di gravidanza (calcolata tenendo conto della data di inizio dell’ultima mestruazione) il bambino ha comunque raggiunto il suo sviluppo completo. Di conseguenza che nasca alla 40ma settimana finita (che rappresenta il termine formalmente stabilito) o una settimana prima è del tutto irrilevante.
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti