Quale latte prima dell’anno di vita?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 07/11/2017 Aggiornato il 07/11/2017

Se non si può più allattare al seno, dai sette mesi di vita fino ai 12 le linee guida suggeriscono di usare il latte "di proseguimento". Dopo l'anno di vita, si può offrire invece il latte fresco di latteria (non diluito).

Una domanda di: Giorgia
Salve, ho un bambino di 7mesi. A breve dovrei rientrare a lavoro e sono abbligata a dargli il biberon con l\’arte ar perché con il tiralatte non riesco a togliermi praticamente nulla. Vorrei sapere se a 7 mesi è possibile dare latte Parmalat parzialmente scremato e come si deve diluire con l acqua.
Grazie
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara mamma Giorgia, il latte di latteria scremato e diluito non viene più considerato una alternativa al latte materno né è consigliabile usarlo né prima dell’anno di vita né dopo. Fino a 12 mesi di vita, le linee guida suggeriscono che sia il cosiddetto “latte di proseguimento” (detto anche latte di crescita di tipo 2 o latte formulato) la scelta più appropriata. Si può usare anche in polvere. Dopo l’anno, si può cominciare invece con il latte vaccino di latteria, fresco e intero, senza diluizione d’acqua. In alternativa, si possono proporre alimenti solidi o yogurt, magari mantenendo, se è possibile e, comunque, se lei ci dovesse riuscire, una o due poppate al seno (per esempio, una al mattino). Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti