Quali indagini se la gravidanza non si avvia dopo due mesi di tentativi?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 06/03/2024 Aggiornato il 06/03/2024

Non è mai opportuno esagerare con gli accertamenti medici, per non correre il rischio di accumulare stress, grande nemico della fertilità: dopo appena due mesi di ricerca della gravidanza, se questa non si annuncia, non si devono fare indagini perché non si è autorizzati a pensare che ci sia qualcosa che non va.

Una domanda di: Francesca
Salve. Ho già scritto qui perché purtroppo la mia prima gravidanza (arrivata a un mese dal tentativo) si è interrotta a 13 settimane per triploidia. Scoperta solo a 17, ho effettuato farmacologico e raschiamento. Sono al 5 mese post aborto e ovulazione si è verificata al 7mo giorno, accertata da eco, ma endometrio ancora proliferativo. Stiamo tentando da due mesi e la ginecologa ritiene di dover fare dosaggi ormonali. Cosa mi sta succedendo? Può essere dovuto all’aborto o qualcos’altro non va? Vorrei un altro consiglio.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, dalle domande che mi pone mi pare di intuire una grande apprensione e forse il timore di non essere a posto fisicamente per poter coronare il suo sogno di diventare mamma. Attenzione: l’ansia è nemica della fertilità (così come lo stress) pertanto spero di poterla aiutare con la mia risposta. Ho la sensazione che nel suo caso ci sia il rischio di esagerare con gli accertamenti medici. Lei mi riporta di essere rimasta incinta la prima volta dopo soltanto un mese di ricerca, segno certo di un’ottima fertilità di coppia. Ora dopo un aborto e nemmeno due mesi di ricerca le propongono già i dosaggi ormonali nonostante le sue ovaie abbiano già ripreso la loro funzione. Lei non mi ha riportato il referto dell’ecografia ma non mi pare allarmante il fatto che l’endometrio fosse ancora in fase proliferativa in settima giornata: diventa di aspetto secretivo solamente DOPO l’ovulazione che presumo fosse appena avvenuta nel suo caso, essendo appunto solamente in settima giornata. Non so la sua età e questo potrebbe essere un fattore rilevante sia per i tempi in cui intervenire facendo accertamenti medici, sia per il rischio di anomalie cromosomiche. Tuttavia, è molto probabile che lei rimanga incinta nuovamente in tempi relativamente brevi, diciamo entro un anno di rapporti liberi. Invece dei dosaggi ormonali, o in parallelo, potrebbe essere di grande aiuto l’apprendimento dei metodi naturali di regolazione della fertilità. Ad oggi sono riconosciuti come validi sia il metodo dell’ovulazione Billings che il metodo sintotermico nelle due varianti Camen o Roetzer. Si possono incontrare personalmente le insegnanti qualificate di questi metodi, per imparare le rispettive regole di utilizzo (l’insegnamento solitamente è gratuito): si tratta di alcuni incontri individuali (aperti alla coppia, naturalmente), con eventualmente la possibilità di effettuarli online. L’aspetto unico di questi metodi, sta nel loro essere “double face”: possono infatti essere utilizzati sia per evitare che per ricercare la gravidanza a seconda delle intenzioni della coppia, senza effetti collaterali di nessun tipo sul rapporto sessuale e sulla vostra salute…niente male, no? Infine, mi pare utile effettuare una consulenza con il genetista per valutare il rischio di ricorrenza di triploidia: magari ve l’hanno già proposta! A tal fine le segnalo che esiste un Filo rosso genetico dove porre i quesiti per via telefonica nei giorni di lunedì e giovedì dalle 12.00. alle 16.00 al numero 0332-21.71.00 Spero di averle risposto e di averla rincuorata, speriamo di risentirci prossimamente con buone nuove…cordialmente

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti