Quando avviene l’annidamento?

Dottor Claudio Ivan Brambilla
A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla
Pubblicato il 17/05/2019 Aggiornato il 17/05/2019

L'annidamento in utero, che segue il concepimento, è un processo graduale che richiede alcuni giorni.

Una domanda di: Noemi
Grazie per la risposta tempestiva alla precedente domanda. Vista la cordialità, pongo un quesito più specifico. Il muco con sangue si è verificato 5 giorni dopo il rapporto, come i vari sintomi “dubbi”, tra cui la nausea. Ora vorrei avere spiegazioni sulla tempistica: è plausibile che un eventuale annidamento si verifichi già 5 giorni dopo il rapporto? Grazie in anticipo.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile Noemi,
credo sia necessario dirle che l’embrione non si annida nell’utero come se fosse una calamita contro il frigorifero. Il processo è graduale: il concepimento avviene nelle tube e da qui l’ovocita fecondato migra verso l’utero in circa il 4-5 giorni. In quarta – quinta giornata (dopo il concepimento) inizia l’annidamento, che si completa nell’arco di circa una settimana. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Distacco amniocoriale: il riposo lo risolve?
20/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Se non compaiono perdite di sangue, né dolori è verosimile che il distacco amniocoriale non abbia dato luogo a complicazioni.   »

Sulla riuscita della PMA
16/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il successo della procreazione medicalmente assistita dipende strettamente dall'età della donna.   »

Vaccinazioni: quanto aspettare dopo una malattia febbrile?
02/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Per ottenere la massima risposta immunitaria da una vaccinazione, occorre praticarla quando la condizione di salute del bambino è ottimale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti