Quando cercare la gravidanza dopo un aborto spontaneo?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 11/01/2021 Aggiornato il 11/01/2021

Dopo un'interruzione spontanea della gravidanza, si può provare a concepire di nuovo fin dal momento in cui le beta-hCG appaiono azzerate.

Una domanda di: Sabrina
Buonasera dottoressa,

l’8 novembre ho avuto un aborto a spontaneo (ero alla 7 +4 la mia prima

gravidanza). L’espulsione è stata naturale. Intorno al 7 gennaio ho avuto

delle perdite di sangue, sono andata dal ginecologo per un controllo sperando che

mi confermasse che erano mestruazioni, ma non ha potuto confermarlo perché

non c’era visibilità sulle pareti uterine. Tra il 21 e il 24 dicembre ho

avuto fortissimi dolori e perdite gelatinose miste con tracce di sangue. Il

ginecologo mi ha detto che poteva trattarsi di ovulazione, però il 25

dicembre ho avuto una grossa perdita di sangue. In seguito non ho più avuto

nulla. Adesso dovrebbe arrivare il secondo ciclo, ma invece sto avendo

problemi perdite liquide e sensazione di bagnato. Niente sangue. Stando alle

indicazioni del medico non abbiamo più provato a concepire in quanto ci ha

consigliato di aspettare almeno due cicli, ma come fare a capire quali sono

i cicli? Una settimana fa le beta erano a 10.

Grazie per il supporto.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, capisco la sua confusione dato che i cicli non sono ancora tornati alla loro regolarità.
A mio avviso, non sarebbe nemmeno necessario attendere due cicli mestruali prima di cercare nuovamente la gravidanza in quanto lei non è stata sottoposta a raschiamento dopo l’aborto. Mi sembra tuttavia rilevante il fatto che le beta-hCG non siano ancora azzerate.
Questo potrebbe spiegare come mai il ciclo non le sia ancora ripreso regolarmente: occorre finire di smaltire gli ormoni della precedente gravidanza!
Mi stupisce un po’ la cosa e mi sento di suggerirle di ripetere un’ultima volta (a 2 settimane almeno di distanza dall’ultimo prelievo) il dosaggio delle beta-hCG in modo da confermarne il completo azzeramento.
Da quel momento in avanti si potrà cercare la nuova gravidanza.
Lei mi ha parlato di perdite liquide, sensazione di bagnato…è proprio su questo tipo di sintomi che si basa il metodo naturale dell’ovulazione Billings!
Mi sento di suggerirle di imparare da un’insegnante in carne e ossa questo metodo per poter interpretare autonomamente la sua fertilità e avere quindi uno strumento in più per cercare la gravidanza e allo stesso tempo tenere d’occhio la salute dell’apparato riproduttore.
Mi dispiace che la sua prima gravidanza non sia andata a buon fine: è proprio drammatico dover fare i conti con la perdita di un figlio!
Quello che mi sento di valorizzare, è la possibilità di essere ancora più uniti come coppia nel sostenersi in questo dolore e nel far crescere l’amore reciproco e il desiderio che questo amore porti frutto…ve lo auguro di cuore!
A disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti