Quando ho concepito?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 23/05/2023 Aggiornato il 23/05/2023

In caso di rapporti sessuali avvenuti nell'arco dello stesso ciclo mestruale, stabilire la data in cui si è verificato il concepimento è praticamente impossibile.

Una domanda di: Nadia
Mi scuso per il disturbo, vorrei chiedere perfavore un’informazione: ho avuto l’ultimo ciclo 21/03 (data presunta ciclo successivo 13/14 aprile, solitamente durata 25 giorni). Ho avuto un rapporto completo non protetto con il mio compagno (non ricordo quando ma penso ultimissimi giorni di marzo) e dopo 1/2 giorni mi sono accorta di avere delle perdite da ovulazione. Il 5/04 ho avuto un rapporto, non è avvenuta nessuna eiaculazione interna ed è uscito con largo anticipo. Il 16/04 ho fatto il test di gravidanza ed era positivo. L’11/05 ho fatto l’ecografia (la settimana prima la ginecologa non vedeva il battito dell’embrione ) e misurava 0,97: mi ha detto che sono in 6/7 settimane. Il rapporto del 05/04 non può esserequello del concepimento, vero? La ringrazio infinitamente per l’attenzione. Cordiali saluti.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
anche se è più verosimile che il concepimento sia avvenuto in seguito al rapporto degli ultimi giorni di marzo non si può escludere con matematica sicurezza
che non sia dovuto al rapporto del 5 aprile. Se è vero infatti che per iniziare una gravidanza gli spermatozoi contenuti nel liquido seminale
devono entrare in vagina e da qui risalire fino alle tube dove avviene il concepimento lo è altrettanto che nel liquido preeiaculatorio (che l’uomo
emette prima dell’eiaculazione) possono essere contenuti spermatozoi. E questo spiega perché il ricorso come contraccezione al coito interrotto, che
consiste nel non eiaculare in vagina, porta spesso al fallimento. Diciamo che in generale, specialmente quando i rapporti sessuali sono avvenuti in
date molto vicine, non è possibile stabilire quando il concepimento si è verificato e questo vale anche nel suo caso. Per sapere con sicurezza chi è il padre del suo bambino non resta che il test del DNA.
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Ureaplasma urealyticum : che fare quando si scopre l’infezione?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ureaplasma urealyticum una volta scoperto deve necessriamente essere curato con l'antibiotico. La terapia deve essere affrontata da entrambi i partner, anche s euno dei due non ha sintomi, per evitare l'effetto "ping pong", ossia di continuare a contagiarsi a vicenda.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti