Quando ho concepito?

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 22/03/2021 Aggiornato il 22/03/2021

Se in linea teorica l'ovulazione è avvenuta al 14mo giorno del ciclo va da sé che è più probabile che abbia portato al concepimento un rapporto sessuale affrontato prima e non dopo questa data.

Una domanda di: Sara
dovrei chiederle gentilmente un parere. Ho avuto ultimo ciclo il 2 Dicembre 2020 (ultimi cicli di 28 giorni ad eccezione degli ultimi due di 25 e 26 giorni), ho avuto rapporti completi l’8 – 13 – 16 – 19 Dicembre e un rapporto non completo il 20 Dicembre.
Sono incinta quindi di 15+5. Ad ecografia della 7 settimana segnava 6+3 (indietro di 4 giorni), mentre all’ecografia di 10 settimane segnava 10+2 (recupero dei 4 giorni + 2!) e alla 12 esima segnava 12+1 quindi giusta. Per la datazione corretta a quale ecografia è meglio affidarsi? Glielo chiedo perché il “rapporto” del 20 dicembre non doveva succedere, anche se ribadisco non è stato completo ma forse qualche possibilità di concepimento esiste lo stesso?
In attesa di gentil risposta, grazie e buona giornata!
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Gentile signora,
anche se non si può mai avere la certezza assoluta della data precisa del concepimento, penso che i rapporti sessuali che hanno portato a dare inizio a una gravidanza siano quelli affrontati dall’8 al 16 dicembre. Per quanto riguarda la datazione della gravidanza si effettua o basandosi sulla data di inizio dell’ultima mestruazione aggiungendo ad essa 40 settimane, al termine delle quali la gestazione giunge a termine. La ridatazione della gravidanza, per convenzione, si effettua per multipli di sette rispetto alla datazione che le ho indicato prima (calendario ostetrico). Un esempio: se, in base al calcolo ostetrico, la gravidanza si colloca esattamente all’inizio dell’ottava settimana (8 giorni + 0 giorni) mentre l’ecografia rileva che rispetto a questo è più avanti o più indietro di 1- 6 giorni non si effettua ridatazione, né si ricalcola la data del parto.
La durata della gravidanza e la presunta data del parto continuano cioè a essere calcolate secondo il regolo ostetrico, quindi basandosi sulla data di inizio dell’ultima mestruazione.
Se invece dall’ecografia emerge che la gravidanza è più avanti o più indietro di una settimana rispetto al calcolo ostetrico, si effettua la ridatazione aggiungendo o togliendo una settimana sia alle settimane di gravidanza teoriche sia alla presunta data del parto.
Se la discrepanza è di due settimane in più o in meno si aggiungono o si tolgono due settimane sia alle settimane di gravidanza teoriche sia alla presunta data del parto. Così si procede, per multipli di sette. Se l’ecografia rileva una discrepanza di due settimane + cinque giorni, si considerano solo le due settimane.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fimosi dei maschietti: agire con cautela e cognizione di causa è d’obbligo!

04/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

Paradossalmente può essere la manovra che a volte si esegue per favorire lo scorrimento del prepuzio sopra il glande a ostacolare la risoluzione spontanea della fimosi, quindi a peggiorarla.  »

Menarca a 10 anni: è preoccupante?

03/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La prima mestruazione a 10 anni non è un fenomeno significativo dal punto di vista medico, mentre lo è il sovrappeso che probabilmente ne ha favorito la comparsa.   »

In ansia per quello che non mangerà alla scuola materna

31/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

All'asilo i bambini tendono ad accettare di buon grado pietanze che a casa respingono, per imitare i coetanei. L'ingresso in comunità sotto il profilo dell'alimentazione è spesso provvidenziale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti