Quarta gravidanza dopo tre cesarei: davvero è meglio interromperla?

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 24/05/2021 Aggiornato il 24/05/2021

I rischi che comporta un quarto cesareo esitono, ma nessuno può dire a priori con estrema sicurezza se tutto davvero andrà male o, al contrario, andrà bene.

Una domanda di: Stefania
Sono alla nona settimana, ho 41 anni, ed è la mia quarta gravidanza.
Dovrò fare il quarto parto cesareo se porto avanti la gravidanza, il terzo è
stato 9 anni fa.
Sto bene di salute, nessuna patologia, esami del sangue perfetti, ma mi hanno
consigliato di interrompere questa gravidanza perché i rischi per me e per
questa creatura sono troppi.
Lei cosa ne pensa.
La ringrazio anticipatamente.

Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora, la problematica che solleva è molto complicata. Sicuramente, un 4° cesareo prevede dei rischi operatori difficilmente quantificabili. Dipende da come sono state le guarigioni dei cesarei precedenti e dalla abilità dell’operatore. Di quarti cesarei ne ho fatti e visti e, fortunatamente, la mia esperienza è sempre stata positiva. Nel corso della gravidanza in teoria il rischio maggiore potrebbe essere la rottura d’utero, ma anche qui le statistiche non dicono che c’è un rischio significativamente più alto rispetto a chi di cesarei ne ha fatti 1 o 2. Credo che nessuno possa dirle che tutto andrà bene o che tutto andrà male. Sicuramente nella scelta conta molto anche l’aspetto psicologico e il valore che la sua etica personale dà all’esserino che ha in utero. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Fai la tua domanda agli specialisti