Quarto cesareo: ci sono pericoli?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 04/05/2020 Aggiornato il 04/05/2020

In effetti, un quarto cesareo può comportare alcuni problemi, che tuttavia si possono limitare attraverso un monitoraggio attento della gravidanza.

Una domanda di: Elena
Salve sono una mamma di 25 anni. Ho 3 bambine nate con taglio cesareo di 7 anni 5 anni e 3 anni. E qualche giorno fa ho scoperto nuovamente di essere in attesa. La paura è tanta e non so cosa fare. Come medico cosa mi consiglia? Un quarto cesareo dopo di 3 cosi ravvicinati può causarmi gravi problemi?
Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, lei va incontro ad un quarto cesareo e mi sento di dirle che i rischi che lei corre sono in sostanza di due tipi ma entrambi si possono in qualche modo monitorare e/o limitare. Da una parte, chi ha subito più tagli cesarei potrebbe andare incontro ad inserzione anomala della placenta, nel senso che potrebbe attaccarsi proprio in corrispondenza della breccia uterina. Se questo accadesse, lei dovrebbe essere monitorata con l’ecografia nel corso della gravidanza, in modo da comprendere se la placenta si sia intrufolata troppo in profondità a livello della breccia uterina.
Dall’altra, se lei dovesse andare incontro ad attività contrattile uterina prematura (ossia contrazioni uterine), esiste il rischio che il tessuto in corrispondenza della pregressa incisione uterina si assottigli fino a riaprirsi. Sarebbe una giusta precauzione, soprattutto negli ultimi mesi di gravidanza, mettere in campo delle forze “extra” per mandare avanti la cura dei lavori domestici. Lei che è già mamma di tre figli potrebbe contare sull’aiuto almeno di quello maggiore per intrattenere i fratelli più piccoli e anche, perché no?, dare una mano in casa.
Spero di averla aiutata. A disposizione se desidera per ulteriori informazioni o chiarimenti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti